Quando sei alla ricerca di lavoro, una delle modalità con cui puoi proporti ad un’azienda, oltre a rispondere alle offerte di lavoro, è la candidatura spontanea o autocandidatura.

Candidarti spontaneamente significa non rispondere ad un annuncio direttamente pubblicato dall’azienda che ti interessa, ma inviare di tua iniziativa la lettera di presentazione e il CV all’azienda in cui vorresti lavorare.

Come scrivere un’efficace lettera di presentazione per la tua candidatura spontanea? Ne parliamo nei prossimi paragrafi!

La lettera di presentazione per candidatura spontanea

Sicuramente avrai più volte digitato su Google “lettera di presentazione per candidatura spontanea”, “come scrivere una lettera di presentazione candidatura spontanea”, “esempio lettera candidatura spontanea”, etc: se vuoi trovare le risposte che cerchi, stai leggendo l’articolo giusto.

La lettera di presentazione per una candidatura spontanea è quel documento in cui ti presenti, descrivendo brevemente il tuo profilo e soprattutto spiegando le motivazioni che ti spingono a candidarti per lavorare proprio in quell’azienda.

Pertanto, l’obiettivo della tua lettera di presentazione è sicuramente quello di attrarre l’attenzione dei recruiters, in modo da farti selezionare per un colloquio e scegliere per una posizione vacante all’interno dell’azienda.

Vuoi scrivere una lettera di presentazione efficace e in grado di farti notare dai recruiters? Affidati al Cover Letter Builder Jobiri! Grazie a questo strumento intelligente puoi scegliere i modelli e i formati più adatti alle tue esigenze per creare una Cover letter perfetta e personalizzata in tempi rapidi. Che cosa aspetti? Provalo cliccando qui

La struttura della lettera di presentazione per candidatura spontanea

La lettera di presentazione per una candidatura spontanea è formata solitamente da 3 sezioni:

  1. Intestazione
  2. Corpo
  3. Conclusione

1. Intestazione

Nell’intestazione è sempre preferibile rivolgersi ad una persona precisa: se hai davvero intenzione di lavorare in quella società, prova a cercare su LinkedIn o sul sito ufficiale dell’azienda i riferimenti dettagliati del destinatario della tua lettera e, se reperibili, usa il nome e il cognome. In questo modo, ti farai maggiormente notare dal/i selezionatore/i.

2. Corpo

Nel corpo della tua lettera di presentazione dovrai convincere la persona che la leggerà a proseguire nella lettura fino alla fine e poi a chiamarti per un colloquio. Parti dal presupposto che sei stato tu ad inviarla spontaneamente! Di conseguenza, presentati in maniera efficace, concisa, sincera, diretta e mirata.

In particolare, nel corpo della tua lettera di presentazione:

  • Soffermati sulle motivazioni che ti hanno spinto ad inviare spontaneamente la candidatura per assumere un ruolo in quell’azienda e soprattutto sul valore e i benefici che sei in grado di portare all’interno dell’organizzazione.
  • Metti in evidenza i tuoi punti di forza: le principali competenze che hai acquisito in precedenti stage o esperienze lavorative significative e che ti hanno permesso di crescere, la conoscenza certificata di una o più lingue ed altri hobby o interessi che possono renderti interessante agli occhi dei recruiters.
  • Metti in evidenza la tua conoscenza dell’azienda a cui stai inviando la candidatura spontanea.

3. Conclusione

Infine, al termine della tua lettera di presentazione specifica in maniera chiara di essere immediatamente disponibile per un incontro di persona e porgi i tuoi saluti ai recruiters. In aggiunta, non dimenticare di indicare tutti i tuoi recapiti, come l’e-mail, il numero di telefono e il tuo indirizzo. Un altro utile consiglio: inserisci anche i link dei tuoi profili social, come Skype, LinkedIn e Twitter!

Modalità di invio della lettera di presentazione per candidatura spontanea

Dopo aver scritto la tua lettera di presentazione, giunge il momento di inviarla. Come e a chi?

Solitamente ci sono due modalità attraverso cui puoi inviare la tua autocandidatura:

  1. L’email al responsabile HR dell’azienda.
  2. La compilazione del form di contatto.

Attraverso la prima modalità, occorre recuperare l’indirizzo di posta elettronica del Responsabile HR dell’azienda che hai individuato o in alternativa scrivere all’indirizzo più generico (es. “info@..”) e inviare una email con la tua lettera di presentazione e il CV.

Attraverso la seconda, è possibile che l’azienda ti chieda di compilare un form con le tue informazioni personali e la tua lettera di presentazione. In questo caso, fai attenzione: è probabile che ci sia un limite di caratteri da rispettare!

Stai aspettando che l’azienda dei tuoi sogni ti richiami per un colloquio e vuoi prepararti per essere impeccabile agli occhi dei selezionatori? Scegli le videolezioni Jobiri e impara tutti i trucchi e le strategie che adottano i recruiters durante i colloqui. Gioca d’anticipo e fai decollare la tua carriera! Registrati qui.

Condividi questa storia, scegli tu dove!

Post correlati