Lo sappiamo tutti che scrivere un CV efficace e attraente può aprire le porte al lavoro dei tuoi sogni. Il curriculum vitae contiene infatti “la fotografia” del tuo percorso di vita personale e professionale: tramite la sola lettura del tuo CV i selezionatori si faranno già un’idea di te, delle tue competenze e delle tue abilità.

Sebbene possa sembrare semplice, sapere come scrivere un curriculum vitae capace di incuriosire i recruiters non è per niente un’attività scontata. Se è vero infatti che non esiste un’unica regola da seguire per scrivere un CV valido, è anche vero che esistono strategie da non sottovalutare per crearne uno di successo.

E tu, conosci tutti i trucchi e le strategie per rendere perfetto il tuo curriculum vitae? In questo articolo ti diremo tutto quello che devi sapere su come fare un curriculum vitae ma soprattutto su come farlo bene!

Come scrivere un curriculum vitae perfetto

Sebbene non esistano regole univoche per la redazione di un CV, possiamo identificare 5 fasi da seguire per scrivere un buon CV:

  1. Scegli il modello o formato più adatto
  2. Compila il tuo CV
  3. Allinea il tuo CV con la posizione per cui ti stai candidando
  4. Rileggi e correggi
  5. Salva il tuo CV nel formato giusto

1. Scegli il modello o formato più adatto

Innanzitutto, ancor prima di dedicarti alla compilazione del tuo CV, devi scegliere il modello o formato in cui vuoi strutturarlo. E’ importante scegliere un modello di CV adatto al tuo profilo professionale e al ruolo per cui vuoi candidarti. Ad esempio, se ti stai candidando per una posizione in ambito marketing o comunicazione, è preferibile scegliere un formato CV più creativo;  per altre posizioni, invece, possono essere più adatti il formato europeo o altri modelli più “standard” e schematici.
Il formato, poi, può variare anche in base alla tua esperienza lavorativa: ad esempio, se stai ancora studiando e hai poca esperienza, potresti preferire un modello che metta maggiormente in evidenza le tue esperienze formative e i tuoi interessi.

2. Compila il tuo CV

Dopo la scelta del formato, si passa alla “fase operativa”, ossia a quella fase dedicata alla compilazione e alla scrittura del tuo curriculum. Sebbene il formato che hai scelto possa influenzare le sezioni da inserire e quelle da mettere maggiormente in evidenza, gli elementi che non possono mai mancare nel tuo CV sono:

  • Le informazioni di contatto: la tua e-mail, il tuo numero di telefono e il tuo indirizzo.
  • Le esperienze formative: questa sezione è costituita dall’/dalle università in cui hai studiato e il/i corso/i di studi che hai frequentato. Oltre al voto di laurea e al titolo della tesi, puoi scegliere di inserire anche i principali corsi che hai frequentato, se in linea con i tuoi obiettivi professionali.
  • Le esperienze lavorative: dove hai lavorato e il/i ruolo/i che hai ricoperto fino a quel momento sono i principali elementi da indicare, affiancati da una descrizione più o meno dettagliata delle mansioni svolte.
  • Le competenze professionali: questa sezione contiene tutte le competenze professionali fino a quel momento acquisite. Esse comprendono sia hard skills come competenze linguistiche acquisite tramite eventuali certificazioni, competenze digitali e informatiche o altre competenze specifiche, sia soft skills come la capacità di problem solving, l’abilità di lavorare in team, etc.
  • Hobby e interessi: inserisci, se le hai svolte, attività di volontariato ed altre esperienze e interessi pertinenti alla posizione per la quale ti stai candidando o che il selezionatore potrebbe apprezzare.

3. Allinea il tuo CV con la posizione per cui ti stai candidando

Pur tenendo sempre presenti le varie sezioni elencate sopra, è importante, mentre scrivi il tuo CV, non perdere mai di vista la posizione per cui ti stai candidando. In altre parole, se ti stai proponendo per un ruolo specifico o ti interessa inviare la tua candidatura per una determinata posizione, devi sempre leggere attentamente la job description e far sì che il curriculum si allinei quanto più possibile all’annuncio di lavoro. In che modo? Prova ad inserire nel tuo CV le stesse parole usate nella job description: in questo modo, aumenteranno ancor di più le probabilità di essere il candidato ideale!

4. Rileggi e correggi

Quando avrai terminato il tuo curriculum, leggilo attentamente più volte, controllando principalmente:

  • Che contenga le informazioni più importanti e pertinenti.
  • Che il CV sia perfettamente allineato con la posizione per la quale ti stai candidando.
  • Che non contenga errori grammaticali o refusi.
  • Che la lunghezza non sia eccessiva.
  • Che la lettura sia scorrevole e fluida.

Se hai bisogno di un supporto per la rivisione del CV prova lo strumento Jobiri CV Analyzer!

5.  Salva il tuo CV nel formato giusto

Dopo averlo rivisto ed eventualmente corretto, assicurati di salvare il tuo CV nel formato più idoneo (PDF, WORD o altro), a seconda di quanto richiesto nel processo di candidatura.

Stai cercando un modo semplice e veloce per creare un curriculum in grado di farti notare dai recruiters? Il CV Builder Jobiri è lo strumento che stai cercando! Si tratta di un servizio che ti guida passo dopo passo nella costruzione di un curriculum efficace e personalizzato! Clicca qui e provalo ora!

Le strategie per creare un CV efficace

Una volta stabilita la struttura del tuo CV, occorre dedicarti alla cura dei dettagli, seguendo tutti i trucchi e le strategie che lo renderanno efficace e valido agli occhi dei recruiters.

La parola d’ordine per rendere il tuo CV perfetto è personalizzazione. Personalizzare il tuo CV significa renderlo quanto più possibile “aderente” alla job description e quindi ai requisiti ricercati dai selezionatori, senza perdere al contempo di vista chi sei e le tue aspirazioni professionali. Seguendo le fasi approfondite prima, puoi quindi rendere il tuo CV attraente e unico attraverso ulteriori accorgimenti quali:

  1. Una breve descrizione
  2. Una foto professionale
  3. Una versione del CV in lingua inglese

1. Una breve descrizione

Subito dopo il tuo nome, prima o dopo le informazioni di contatto, è molto utile di scrivere una breve descrizione che parli di te, della persona che sei, del tuo attuale ruolo e delle tue aspirazioni professionali. Una presentazione ben fatta può attirare ancor di più l’attenzione dei selezionatori, poichè riassume in poche righe chi sei e dove vuoi andare. E’ molto importante, inoltre, inserire anche nella tua descrizione alcune delle parole chiave presenti nella job description.

2. Una foto professionale

Nel nostro Paese, a differenza di altri, inserire la foto nel curriculum è utile e talvolta esplicitamente richiesto. Ovviamente, è importante inserire una foto quanto più professionale possibile, evitando qualsiasi tipologia di abbigliamento non consono.

3. Una versione del CV in lingua inglese

Tieni presente che offerte di lavoro in multinazionali o in aziende italiane con sedi all’estero ti chiederanno di inviare il tuo CV in lingua inglese. Gioca d’anticipo e preparane una versione in lingua da utilizzare al momento opportuno! Ricorda, però, che il tuo CV in inglese non deve essere la traduzione di quello in italiano: si tratta di due lingue completamente differenti che seguono regole diverse!

Hai scritto il tuo CV ma pensi che non sia abbastanza efficace e attraente? Affidati al servizio Revisione CV Jobiri! Progettato dai migliori recruiters e basato sull’intelligenza artificiale, questo strumento analizza ed effettua valutazioni del tuo curriculum, restituendoti feedback personalizzati per farti ottenere più colloqui. Registrati qui e provalo subito.

Condividi questa storia, scegli tu dove!

Post correlati