La lettera di presentazione è quel documento che, inviato solitamente insieme al CV, rende completa una candidatura.

La lettera di presentazione, come si comprende dal nome stesso, è una sorta di presentazione scritta in cui i candidati raccontano brevemente il proprio percorso professionale, le proprie skills e le motivazioni per cui quella posizione fa al caso loro.

La tua situazione professionale non ti soddisfa?

Affidati ai nostri coach per trovare impiego, cambiare lavoro o crescere professionalmente come hanno già fatto 100.000 persone

Prenota consulenza gratuita
career_coaching_vs_career_counseling

È facile capire, dunque, come – a differenza del curriculum vitae che contiene un “elenco” di esperienze, risultati e competenze – la lettera di presentazione è un approfondimento di specifiche abilità del candidato (quelle più adatte e compatibili con la posizione in questione) e del valore aggiunto che la sua assunzione può portare all’interno di quell’organizzazione.

Proprio come il CV, la lettera di presentazione va personalizzata e quindi ripensata di volta in volta in base alla posizione di interesse dei candidati: nulla dev’essere lasciato al caso.

In virtù di quanto detto, dunque, appare chiaro che la lettera di presentazione dev’essere differenziata anche in base alla fase della carriera in cui un candidato si trova: la lettera di presentazione di un dirigente, ovviamente, presenterà delle caratteristiche differenti rispetto alla lettera di presentazione di un neolaureato o una figura junior.

A questo proposito, nei prossimi paragrafi focalizzeremo la nostra attenzione su come scrivere in maniera efficace una lettera di presentazione da dirigente.

Lettera di presentazione da dirigente: la struttura

Partiamo innanzitutto dalla struttura di una lettera di presentazione da dirigenteLe parti da cui è composta una valida lettera di presentazione dirigente sono 4:

  1. Intestazione
  2. Introduzione
  3. Corpo
  4. Conclusione

1. Intestazione

L’intestazione della lettera di presentazione da dirigente contiene innanzitutto il destinatario del documento: è preferibile indirizzare la tua lettera ad un destinatario specifico, come ad esempio il responsabile delle risorse umane (puoi cercare i suoi riferimenti sul web o su LinkedIn, nel caso in cui non siano specificati all’interno della job description). Oltre al destinatario, nell’intestazione vanno poi inseriti la data e, ovviamente, l’oggetto della mail.

Un esempio concreto di intestazione della lettera presentazione da dirigente è il seguente:

Gent, Dott. Mario Rossi

Responsabile delle Risorse Umane [Nome Azienda]

Indirizzo Azienda 

Oppure 

Dip. Risorse Umane – [Nome Azienda]

Indirizzo Azienda 

Data: xx/xx/xxxx

Oggetto: Candidatura per [Nome Posizione]

2. Introduzione

A questo punto, il secondo step da fare consiste nello scrivere un’introduzione quanto più accattivante possibile per:

  • attirare immediatamente l’attenzione dei selezionatori
  • invogliare i recruiters a leggere quanto più attentamente possibile la tua lettera

Nell’introduzione è bene rivolgersi al destinatario usando formule come le seguenti:

Gentile [nome e cognome]”, “Spett. Dott./Dott.ssa [nome e cognome]”, Alla cortese attenzione del/della Dott./Dott.ssa [nome e cognome].

In seguito, in questa parte dovrai, quanto più brevemente possibile, spiegare chi sei. 

Un esempio può essere:

“Vorrei sottoporre alla vostra attenzione la mia candidatura per la posizione di [nome posizione]. Conosco molto bene il settore [specificare settore] grazie [alle precedenti esperienze professionali] e ai [numero anni] di esperienza maturata.”

3. Corpo

Vediamo adesso come scrivere efficacemente il corpo della lettera di presentazione da dirigente.

Nel corpo della lettera è importante specificare sia i punti di forza che ti rendono una risorse indispensabile per l’azienda, sia le skills che hai acquisito nel corso della tua carriera e che sono fondamentali per il ruolo che andrai a ricoprire. 

Ovviamente, specificando questi due punti, metterai anche in evidenza i motivi che ti stanno spingendo a candidarti per lavorare proprio in quella impresa e ricoprendo quella posizione.

Un esempio concreto del corpo di una lettera di presentazione dirigente è il seguente:

“Come è possibile notare dal curriculum allegato, oltre a possedere la qualifica richiesta, ho lavorato per [numero di anni] come [indicare funzione come Direttore Comunicazione / Direttore Amministrativo / ecc.]. Sono fortemente motivato a lavorare per la vostra Società perché oltre ad essere un esempio di eccellenza, aspiro a svolgere mansioni che mi permettano un maggiore grado di responsabilità e rappresentino un’occasione unica di crescita professionale.

Grazie alla mia formazione ho sviluppato diverse competenze nell’ambito [settore]. Tra le principali skills acquisite nel corso della mia carriera ci sono: [specificare competenze e principali risultati conseguiti]

Ho un forte background in [ruolo/ambito specifico] da poter sfruttare in un ‘azienda come la vostra, nella quale non solo potrei conseguire un importante obiettivo professionale, ma anche investire l’intero mio bagaglio di esperienza già maturata.

4. Conclusione

Infine, l’ultima parte della lettera di presentazione da dirigente è costituita da una conclusione che, per essere efficace, deve contenere una significativa call to action.

Lo scopo di quest’ultima è quello di stimolare i recruiters ad invitarti per un colloquio ed approfondire la tua conoscenza.

Inoltre, nella conclusione vanno inseriti anche i tuoi dati di contatto (puoi scegliere di metterli anche all’inizio. Dipende da come decidi di impostare la tua lettera).

Un esempio di conclusione efficace:

“Resto in attesa di un colloquio per discutere in dettaglio il mio potenziale contributo, alla luce delle vostre esigenze ed obiettivi aziendali.”

oppure 

“Sarei lieto di fornire maggiori dettagli riguardo alle mie competenze ed esperienze nel corso di un ulteriore colloquio. Ringraziandovi in anticipo, rimango in attesa di un gentile riscontro.

nome e cognome xxx

indirizzo e-mail xxx

numero cellulare xxx”

Lettera di presentazione da dirigente: considerazioni finali

In base a quanto detto sopra, pertanto, nella lettera di presentazione da dirigente è molto importante focalizzarti sulle competenze e le esperienze maturate che ti hanno permesso di diventare il professionista che sei.

Ovviamente, è fondamentale specificare il come queste competenze ed esperienze potrebbero essere sfruttate a vantaggio dell’azienda in cui vorresti lavorare. Il contributo effettivo e concreto che puoi portare all’interno dell’organizzazione ricoprendo una posizione dirigenziale è una discriminante cruciale che determinerà o meno il tuo successo.

Vuoi scrivere una lettera di presentazione per dirigente impeccabile e in tempi rapidi? Affidati al Letter Builder di Jobiri, il primo career advisor intelligente basato su AI. Il Letter Builder è un tool grazie al quale puoi creare facilmente la tua lettera di presentazione, scegliendo tra decine di formati e utilizzando i migliori esempi pensati da recruiters ed esperti del settore. Provalo subito registrandoti qui.

 

Condividi questa storia, scegli tu dove!

Post correlati

Trova lavoro ora