Head Hunter su LinkedIn: cura il tuo profilo e fatti trovare dalle aziende migliori - Jobiri

LinkedIn è probabilmente il social più utilizzato da tutti coloro che cercano lavoro o che vogliono cambiare e trovare un impiego in un settore/azienda che li appassiona, li faccia sentire motivati e in un ruolo in cui possano crescere.

Questo social network sta diventando quindi uno strumento sempre più centrale per lo sviluppo di carriera di molti professionisti, ma pochi sanno davvero come farsi trovare su LinkedIn.

La tua situazione professionale non ti soddisfa?

Affidati ai nostri coach per trovare impiego, cambiare lavoro o crescere professionalmente come hanno già fatto 150.000 persone

career_coaching_vs_career_counseling

Molti infatti sono gli strumenti a disposizione dei candidati per raggiungere i responsabili HR delle aziende. In particolare, una delle ultime e più conosciute attività è quella degli head hunter (significato in italiano: “cacciatori di teste”) su LinkedIn. Si tratta di professionisti specializzati nel recruitment di middle management e figure di alto livello che rispondano a specifici requisiti di un’azienda.

Se sei alla ricerca di nuove opportunità lavorative e non sai come inserire LinkedIn nella tua strategia di ricerca lavoro, iscriviti a Jobiri e prenota una consulenza gratuita per capire come cercare lavoro in modo efficace attraverso la più grande piattaforma online dedicata ai professionisti.

Vediamo quindi nel dettaglio i seguenti aspetti:

  • cos’è un head hunter (significato)
  • come contattare un head hunter su LinkedIn facendo in modo che il tuo profilo lo impressioni positivamente.

Parla gratis con un Coach Jobiri

  • Il tuo primo colloquio è gratuito

  • Sessioni online per supportarti ovunque tu sia

  • +150.000 persone hanno già scelto il nostro servizio

Pronto a distinguerti nel mercato del lavoro e attirare l’attenzione degli head hunter su LinkedIn? Prenota ora la tua prima sessione gratuita di career coaching e inizia a costruire il tuo percorso verso il successo professionale che meriti!

Cos’è un head hunter?

Sono sempre più numerosi gli utenti che fanno ai motori di ricerca online domande del tipo head hunter: significato”, “cos’è un head hunter?” oppure “head hunter linkedin: come funziona?”

Prima di capire nel dettaglio nel dettaglio la questione head hunter linkedin e, quindi, qual è il modo più efficace per contattare un cacciatore di teste su LinkedIn, vale quindi la pena approfondire meglio la figura dell’head hunter.

Cos’è un head hunter e qual è, quindi, l’head hunter significato?  L’head hunter è sostanzialmente una figura esperta che si occupa di recruiting: il suo scopo è quello di andare “a caccia” di talenti da inserire all’interno di una determinata azienda (il termine head hunter ha il significato, appunto, di “cacciatore di teste”).

L’head hunter può essere un professionista interno all’azienda ma, molto più frequentemente, è una figura esterna che, però, conosce molto bene le dinamiche interne all’organizzazione per la quale lavora e per la quale fa scouting dei profili più validi ed interessanti.

L’head hunter è, dunque, una figura che funge da “intermediario” tra l’azienda in cerca di risorse e i candidati migliori. Per fare ciò, innanzitutto gli head hunter si coordinano con i responsabili delle assunzioni per capire a fondo tutti i requisiti che la risorsa in questione deve possedere. Dopo questo primo step, parte la fase operativa e concreta di scouting. 

Contatta un consulente di carriera

I nostri career coach possono aiutarti a trovare un nuovo lavoro e nella tua crescita professionale

Se ti stai chiedendo, quindi, “head hunter: come funziona il suo lavoro?” o “cacciatori di teste per teste per trovare lavoro come funziona”, ecco la risposta. 

L’head hunter, essendo alla ricerca dei profili più idonei per la posizione da ricoprire all’interno dell’azienda, deve necessariamente creare attorno a sé, soprattutto attraverso il web e i social network, una vasta rete di contatti a cui poter attingere.

Un buon head hunter ha quindi non solo la capacità di sviluppare un efficace e proficuo network di contatti, ma anche l’abilità di costruire relazioni solide con i candidati individuati, tentando di far apparire la posizione che sta offrendo loro quanto più appetibile possibile, sia dal punto di vista della crescita professionale, sia dal punto di vista economico.

Delle relazioni solide possono essere create attraverso un contatto diretto tra l’head hunter e i candidati, per esempio tramite incontri face to face o videocall per mezzo dei diversi tool digitali più utilizzati.

Head hunter: quali sono le principali responsabilità di questa figura?

Dopo aver approfondito head hunter significato ed head hunting significato, vediamo nel dettaglio quali sono le principali responsabilità di un head hunter:

  • Identificazione dei talenti: ricerca attiva di candidati che corrispondono ai requisiti specifici di una posizione, utilizzando una vasta gamma di strumenti e tecniche, tra cui database interni, reti professionali, e piattaforme di social media come LinkedIn
  • Valutazione dei candidati: condurre interviste approfondite e valutazioni per assicurarsi che i candidati non solo abbiano le competenze tecniche necessarie, ma siano anche un buon match culturale per l’organizzazione cliente
  • Intermediazione: facilitare il processo di colloquio tra il candidato e l’azienda cliente, fornendo supporto e consulenza ad entrambe le parti durante l’intero processo di selezione
  • Negoziazione: assistere nelle trattative di offerta, compreso il pacchetto retributivo e altri termini di impiego, per assicurare un accordo soddisfacente per entrambe le parti.

Differenze tra Head hunter, recruiter e consulenti di selezione

Mentre i termini “head hunter”, “recruiter” e “consulente di selezione” sono spesso usati in modo intercambiabile. Tuttavia, ci sono differenze chiave tra questi ruoli:

  • Head hunter: si concentra sulla ricerca proattiva di candidati per posizioni di alto livello o specialistiche, lavorando spesso su incarico diretto da parte delle aziende. Il suo approccio è altamente personalizzato e mirato
  • Recruiter: può lavorare internamente per un’azienda (recruiter interno) o per un’agenzia di reclutamento (recruiter esterno), gestendo una varietà di posizioni aperte su più livelli. I recruiter tendono a lavorare su un volume più elevato di posizioni rispetto agli head hunters
  • Consulente di selezione: Fornisce un servizio più ampio che può includere non solo la ricerca e la selezione di candidati, ma anche la consulenza su strategie di assunzione, lo sviluppo organizzativo e la pianificazione delle risorse umane. Il suo ruolo può includere elementi sia dell’attività di un head hunter che di un recruiter, ma con un focus più ampio sulla consulenza HR.

Head hunter linkedin: strategie efficaci per contattarli

Una volta approfondito nel dettaglio cos’è un head hunter, head hunter significato, head hunting significato, cacciatori di teste lavoro e quali sono le loro principali responsabilità, vediamo adesso le modalità più efficaci per contattare questa figura su LinkedIn.

Seleziona con cura le aziende

Uno degli errori più comuni di coloro che si iscrivono per la prima volta a LinkedIn e non solo, è quello di cominciare ad inviare richieste a raffica e senza alcuna selezione, con il terrore di non riuscire ad ottenere un colloquio di lavoro. Nulla di più sbagliato, in quanto si finisce per indispettire gli head hunter delle varie aziende, perché sommersi da valanghe di richieste e curriculum vitae.

Pertanto, la prima operazione da compiere per fare un corretto LinkedIn job hunting è quella di selezionare con cura le aziende. Cerca quelle che sono più in linea con i tuoi obiettivi professionali e con la tua formazione, andando così a cercare gli head hunter specifici che si occupano di quelle realtà.

Invia una richiesta sintetica e personalizzata

Una volta selezionata un’ipotetica rosa di head hunters che fa al caso tuo, non resta che inviare una richiesta personalizzata e provare ad instaurare una conversazione.

L’obiettivo primario è quello di scoprire se sono alla ricerca di una figura professionale simile alla tua e se sono interessati a nuove candidature. In caso di risposta positiva manda il curriculum, ma non prima. Se il recruiter vuole avere informazioni potrà guardare il tuo profilo LinkedIn.

In particolare, per scrivere un messaggio efficace ad un head hunter su linkedin segui questi consigli semplici e concreti:

1) Personalizza il messaggio: inizia con un saluto personalizzato, citando il nome dell’head hunter. Evita i saluti generici come “Gentile signore/signora”

2) Breve presentazione: introduci brevemente te stesso, includendo la tua attuale posizione o area di specializzazione

3) Mostra di aver fatto la tua ricerca: dimostra che hai fatto la tua ricerca sull’head hunter e sull’azienda, menzionando qualcosa che ti ha colpito o che trovi particolarmente interessante

4) Esplicita il tuo obiettivo: sii chiaro riguardo al motivo per cui li stai contattando, che sia per esplorare opportunità di lavoro, chiedere una consulenza professionale o espandere la tua rete nel settore

5) Breve evidenziazione delle tue competenze: menziona brevemente perché pensi di essere un candidato interessante per le opportunità future, focalizzandoti su competenze o esperienze uniche che ti distinguono

6) Chiusura e invito all’azione: chiudi il messaggio ringraziando l’head hunter per il tempo dedicato e invitandolo a una conversazione più approfondita, lasciando aperta la porta per un futuro contatto.

Desideri capire quali sono le strategie più efficaci per contattare gli head hunter su Linkedin e non e fare il prossimo grande salto nella tua carriera? Prenota qui la tua consulenza gratuita con un career coach di Jobiri per scoprire come trasformare i tuoi contatti in opportunità!

Head hunter linkedin: come migliorare il tuo profilo linkedin per renderlo più “accattivante”?

Sfrutta saggiamente la sezione “Riepilogo”

Se un head hunter su LinkedIn dovesse individuare la parte più importante di un profilo, molto probabilmente indicherebbe la sezione riepilogo, ovvero quella parte della pagina dedicata a riassumere in poche righe la figura professionale del candidato.

Soffermiamoci a pensare per un attimo al lavoro dell’head hunter: ogni giorno questi professionisti controllano decine e decine di possibili candidati e hanno quindi bisogno di trovare informazioni chiare e veloci. Ed è proprio qui, nella sezione “Riepilogo” di LinkedIn, che chi è alla ricerca di un nuovo lavoro può mettere in evidenza i propri punti di forza, le proprie esperienze, le proprie motivazioni ecc.

Non dimenticare di inserire la città

Gli head hunter, molto spesso, selezionano i profili ricercando in città specifiche. Certo, quando si tratta di figure di livello particolarmente alto, per esempio offerte di lavoro per manager e dirigenti, la ricerca si espande ben oltre il livello locale, superando talvolta non solo i confini regionali, ma anche quelli nazionali.

In media, però, la ricerca parte sempre a livello locale, ed è dunque premiante inserire la propria città di residenza per avere più possibilità di essere inclusi nella rosa dei papabili candidati. Lo stesso LinkedIn ha spiegato che chi aggiunge nel proprio profilo il luogo di residenza aumenta di 23 volte le possibilità di trovare un lavoro.

Non sottovalutare le referenze

Se stai cercando di capire come farti notare da un head hunter, considera che le aziende e i cacciatori di talenti su LinkedIn sanno che la pagina del tuo profilo è stata scritta dall’inizio alla fine dal diretto interessato.

Ecco quindi che una terza voce diventa fondamentale per confermare le competenze e le capacità esposte. Diventa particolarmente importante, quindi, la sezione dedicata alle referenze: è bene impegnarsi per avere una serie di buone valutazioni da parte di ex colleghi, clienti, datori di lavoro.

Ricordati che LinkedIn non è un luogo statico

LinkedIn non è una lastra di pietra in cui scolpire il proprio curriculum vitae, per poi lasciarlo immutato e trascurato per anni.

Si tratta pur sempre di un social network che come tale deve essere aggiornato e tenuto vivo, in modo da permettere una visibilità maggiore al proprio profilo. Ecco quindi che, per farsi notare su LinkedIn, diventa importante tenere aggiornata la propria pagina postando articoli interessanti, condividendo riflessioni sul proprio lavoro e via dicendo, ricordandosi sempre che si tratta di un luogo professionale.

Curare la propria presenza sui social oggigiorno è fondamentale per accrescere le probabilità di entrare in contatto con opportunità di lavoro e carriera.

Head hunter linkedin: vantaggi nel contattarli su questo social

L’approccio proattivo nel contattare un head hunter su LinkedIn può aprire porte a opportunità significative nella tua carriera. Ecco alcuni dei principali vantaggi di questa strategia.

1) Accesso a opportunità lavorative non pubblicizzate

Uno dei maggiori vantaggi del contattare direttamente un head hunter è l’accesso a opportunità di lavoro che non sono pubblicizzate sui canali tradizionali di ricerca del lavoro. Molte delle posizioni più desiderabili e altamente retribuite vengono riempite attraverso le reti professionali o tramite head hunter senza mai essere pubblicate su siti di lavoro. Queste opportunità, spesso descritte come “mercato nascosto del lavoro”, possono includere ruoli di leadership, posizioni specializzate o opportunità in aziende prestigiose che cercano di mantenere la discrezione nel loro processo di assunzione.

2) Consulenza professionale e feedback sul proprio percorso professionale

Contattare un head hunter linkedin può offrirti molto più che semplicemente l’accesso a nuove opportunità di lavoro. Questi professionisti hanno una profonda conoscenza del mercato del lavoro e possono offrire preziose consulenze sulla tua carriera. I vantaggi includono:

  • Valutazione delle competenze: gli head hunter possono fornire una valutazione oggettiva delle tue competenze e esperienze, aiutandoti a comprendere come ti posizioni rispetto agli altri candidati nel tuo campo
  • Consigli su CV e profilo LinkedIn: possono offrire consigli su come migliorare il tuo CV e il tuo profilo LinkedIn per renderli più attraenti per i futuri datori di lavoro
  • Feedback sulle interviste: se sei in fase di colloquio per una posizione che hanno presentato, gli head hunter spesso forniscono feedback costruttivi sul tuo andamento ai colloqui, aiutandoti a migliorare per le future opportunità
  • Orientamento professionale: possono offrire orientamento sulle strategie di carriera più efficaci e su come raggiungere i tuoi obiettivi professionali a lungo termine, basandosi sulle tendenze attuali del mercato e sulle loro esperienze con candidati di profilo simile.

Head hunter linkedin: svantaggi nel contattarli su questo social

Sebbene ci siano numerosi vantaggi nel contattare un head hunter linkedIn, esistono anche alcuni potenziali svantaggi da tenere in considerazione.

1) Mancanza di risposte

Uno degli aspetti più frustranti del contattare un head hunter su linkedin può essere la mancanza di risposta. Gli head hunter spesso ricevono un elevato numero di messaggi su linkedin e potrebbero non essere in grado di rispondere a tutti.

Come gestire la mancata risposta

  • Sii paziente: dopo aver inviato il tuo messaggio, dà tempo all’head hunter di rispondere. Una settimana è un lasso di tempo ragionevole prima di considerare un messaggio di follow-up
  • Follow-Up professionale: se decidi di inviare un messaggio di follow-up, mantienilo cortese e professionale. Un semplice promemoria del tuo interesse e disponibilità può essere sufficiente
  • Non insistere: se dopo un follow-up non ricevi risposta, è meglio non insistere ulteriormente. Continuare a mandare messaggi può essere percepito come invadente.

2) Rischio di essere percepiti come troppo aggressivi o poco professionali

  • Troppo aggressivi: un approccio troppo diretto o insistente nel cercare di attirare l’attenzione di un head hunter può risultare controproducente e lasciare un’impressione negativa
  • Poco professionali: messaggi mal scritti, troppo informali o che non mostrano una chiara comprensione del ruolo dell’head hunter possono essere percepiti come segnali di una forte mancanza di professionalità.

Non sai come evitare le trappole comuni nel contattare gli head hunter su Linkedin? Fatti supportare dall’esperienza e la preparazione dei career coaches di Jobiri, il primo consulente di carriera digitale intelligente basato su AI. Grazie al loro supporto, hai la possibilità di avere al tuo fianco delle guide esperte che ti aiutano a bilanciare assertività e professionalità e, in generale, a soddisfare qualsiasi tua esigenza. Che cosa aspetti? Prenota ora il tuo primo career check-up gratuito e fai decollare rapidamente la carriera!

Come gestire questi rischi

  • Assumi un tono professionale: assicurati che il tono e il contenuto del tuo messaggio siano professionali. Usa un linguaggio appropriato e mostra di aver fatto la tua ricerca sull’head hunter e sulla sua azienda
  • Personalizza i messaggi: sulla base delle indicazioni suggerite sopra, evita di inviare messaggi troppo generici. La personalizzazione mostra che hai dedicato tempo e pensiero al contatto
  • Focalizzati sul valore: invece di concentrarti su ciò che l’head hunter può fare per te, illustra come puoi essere tu un valore aggiunto per lui o per i suoi clienti, ossia le aziende. Questo approccio meno egocentrico risulterà di gran lunga più efficace.

Iscriviti a Jobiri per ricevere supporto nel tuo percorso di ricerca del lavoro. Impara a valorizzare i tuoi punti di forza e trova lavoro grazie ad un potente aggregatore che cerca le offerte di lavoro più in linea con il tuo profilo.

Categorie: Linkedin|tag = |
Condividi questa storia, scegli tu dove!

Post correlati