Che cos’è il networking? Networking significa creare, sviluppare contatti e relazioni e si basa su un legame di reciprocità in cui si dà e si riceve, si tratti di tempo, competenza o di informazioni. Chiunque può crearsi una rete e svilupparla a più livelli, moltiplicandoli e consolidandoli nel tempo.

cos'è il networkingChe cos’è il networking?

È importante non confondere il network o “rete di contatti” con casta o, peggio, mafia.
Il network è l’insieme delle persone che ti hanno visto all’opera e hanno un parere personale e professionale su di te. La rete di relazioni è quasi sempre il tuo trampolino di lancio (e a volte la tua rete di salvataggio).

Per capire l’importanza delle attività di networking è fondamentale comprendere a fondo il processo con il quale le imprese ricercano ed assumono candidati. Rispetto a quanto ci si potrebbe aspettare, le imprese spesso pubblicano annunci di lavoro solo quando i metodi informali hanno fallito.

Perché l’attività di networking ti aiuta nella ricerca del lavoro

Quando è necessario trovare un candidato, le imprese generalmente o promuovono un proprio dipendente o chiedono ai collaboratori e conoscenti di segnalare dei candidati validi. Non è un caso infatti che vengano spesso previsti anche dei bonus per i dipendenti quando un candidato segnalato internamente viene assunto.

Questo processo di ricerca informale è molto meno costoso, sia in termini economici che di tempo rispetto a alla pubblicazione di un annuncio e alla gestione di un processo strutturato. Ogni azienda sa che se un proprio dipendente segnala un possibile candidato, è perché lo ritiene valido. Altrimenti eviterà di esporsi perché direttamente o indirettamente produrrà un effetto anche sul proprio percorso professionale.

Molti posti di lavoro liberi non vengono spesso mai pubblicizzati o vengono occupati prima di esserlo. Di questi tempi infatti, la maggioranza degli impieghi vacanti sono ricoperti da qualcuno che ne ha sentito parlare in maniera informale da altri.

Molte persone si sentono in difficoltà all’idea di doversi creare dei contatti, ma che piaccia o no, in mercati del lavoro altamente competitivi conta anche chi si conosce.

Pertanto, il processo di networking è assolutamente fondamentale, specialmente in un contesto ad alto tasso di disoccupazione. In questi casi, infatti, buona parte dei posti vacanti sono presi da coloro che conoscono chi si occupa delle assunzioni (spesso non è la persona che lavora nelle risorse umane ma è la persona che ha bisogno di un nuovo collaboratore) o che sono nella loro sfera di influenza.

I vantaggi del networking

Le persone sono predisposte per natura alla collaborazione e aperte ad aiutare il prossimo. L’attività di networking aiuta le persone a sentirsi meglio con se stesse. Supportare gli altri fornendo contatti utili, creando così opportunità professionali aiuta ad incrementare la propria autostima e a sentirsi importanti. Ma quali sono i vantaggi del networking?

Questa attività dovrebbe essere il tuo focus primario in qualunque circostanza. La quantità e qualità del tempo speso nel tuo networking sono direttamente proporzionali alla soddisfazione personale, professionale e finanziaria che troverai nel tuo lavoro attuale o futuro, così come nel resto di tutta la tua vita professionale.

Perché le persone sono interessate a collaborare

Se hai un po’ paura di iniziare la tua attività di networking, ti ricordiamo brevemente alcune delle ragioni per cui le persone nel tuo network dovrebbero essere interessate a collaborare con te:

  1. Loro stessi potrebbero essere (segretamente) alla ricerca di lavoro ed imparare così dal tuo approccio;
  2. Potrebbero ottenere nuove informazioni relativamente al tipo di imprese a cui sei interessato o in merito alla loro capacità competitiva – oltre che ulteriori competenze o punti di vista che condividerai con loro;
  3. Li farà sentire importanti e percepiranno che il loro consiglio ha molto valore ed è altamente rispettato;
  4. Molte persone provano sincero piacere ad aiutare il prossimo, trovano gratificante poter essere di aiuto.
  5. Potrebbero essere annoiati e la tua richiesta potrebbe alterare la loro normale routine.
  6. Hanno vissuto in prima persona la situazione nella quale tu ti trovi adesso, e quindi provano empatia.

Quando è fatta nella maniera corretta, l’attività di networking non riguarda tanto il prendere, quanto il dare.

La tua attitudine di partenza dovrebbe sempre essere quella di essere generoso; al termine di ogni conversazione, difatti, l’altra persona dovrebbe sentirsi genuinamente felice che tu li abbia contattati e sentirsi così arricchiti dall’esperienza.

Continua a seguire il blog di Jobiri per leggere altri utili consigli sul networking come opportunità professionale e apprendere le tecniche di networking più efficaci e ricorsa, se sei in cerca di un supporto concreto per dare slancio alla tua carriera, Jobiri è il primo consulente di carriera di digitale ideato per ottimizzare il percorso di ricerca lavoro. Scopri tutti i servizi online!