Per molte donne (non per tutte è lo stesso, ovviamente) diventare madri costituisce un importantissimo traguardo, un evento desiderato profondamente che porterà ad una nuova fase della loro vita e che comporterà inevitabilmente tanti cambiamenti e nuove sfide.  

Una di queste riguarda sicuramente il lavoro: nonostante i numerosi diritti di cui possono godere le madri lavoratrici in Italia, coniugare al meglio carriera e sfera familiare è spesso un’ardua impresa. È per questo che, ancora troppo spesso, molte donne – appena scoprono di aspettare un bambino – credono di dovere lasciare il lavoro in quanto sicure che il datore di lavoro non reagirà bene alla notizia della loro gravidanza. Si tratta senza dubbio di una scelta del tutto sbagliata e da evitare, frutto di una mentalità che risulta ancora troppo radicata nel nostro Paese: aspettare un bambino, infatti, non comporta il dover lasciare il lavoro ma, anzi, dovrebbe incentivare le donne a seguire con determinazione il loro percorso professionale, anche con l’obiettivo di garantire un buon futuro ai propri figli. 

La tua situazione professionale non ti soddisfa?

Affidati ai nostri coach per trovare impiego, cambiare lavoro o crescere professionalmente come hanno già fatto 100.000 persone

Prenota consulenza gratuita
career_coaching_vs_career_counseling

Non solo è assolutamente possibile continuare a lavorare quando si scopre di aspettare un bambino, ma anche avviare la ricerca di un nuovo lavoro in questa fase è un’opzione del tutto fattibile, nonostante in molti potrebbero pensare il contrario.  

Per questo abbiamo deciso di approfondire nei prossimi paragrafi una tematica spinosa e molto dibattuta: come cercare lavoro in gravidanza.

Cercare lavoro in gravidanza si può? Certo che sì!

A tutti coloro che pensano ancora che una donna non possa iniziare la ricerca di un nuovo lavoro solo perché incinta, vogliamo innanzitutto dire questo: una mamma che aspetta un bambino non può e non deve essere un peso per il proprio datore di lavoro e per l’azienda nella quale lavora.

Una volta compreso questo concetto, risulta chiaro, dunque, come qualsiasi donna possa cercare lavoro in gravidanza senza doversi sentire in colpa della scelta di aver desiderato un figlio proprio in quel momento.

Le lavoratrici in gravidanza, infatti, hanno per legge il diritto ad essere regolarmente assunte, in quanto il loro status non costituisce in nessun modo un vincolo o un ostacolo per il loro ingaggio. 

La comunicazione della gravidanza a lavoro

Per quanto riguarda la comunicazione della gravidanza sul lavoro, se la professionista è già dipendente è preferibile che avvisi il proprio datore di lavoro quanto prima. Questo per permettere all’azienda di organizzarsi con anticipo per coprire l’assenza della lavoratrice durante il periodo di congedo di maternità.

La comunicazione tempestiva è utile, poi, anche nel caso in cui la professionista svolga lavori pericolosi o che implicano sollevamento di pesi e simili: in queste circostanze, infatti, la legge vieta alle dipendenti in stato interessante di svolgere questo tipo di attività e prevede una ricollocazione delle stesse. Le nuove mansioni (temporanee) che la lavoratrice svolgerà non comporteranno ovviamente un cambiamento né di retribuzione né di inquadramento.

Invece, nel caso in cui la donna in gravidanza stia cercando un nuovo lavoro e quindi stia facendo dei colloqui, non è tenuta durante questi ultimi a comunicare il suo status: può farlo per sua scelta, ma ha un nessun obbligo.

Cercare lavoro in gravidanza: come farlo in maniera concreta ed efficace

Concentriamoci adesso sulle future mamme che al momento non hanno un’occupazione perché l’hanno persa, l’hanno lasciata o per qualsiasi altra motivazione: come cercare lavoro in gravidanza, quindi?

Cercare lavoro in gravidanza può innanzitutto voler dire avere delle esigenze differenti rispetto ad una situazione standard. Molte donne incinte in cerca di una nuova occupazione desiderano infatti maggiore flessibilità: modalità di lavoro ibride, orari flessibili, etc.

Pertanto, il primo step da compiere nel momento in cui ti appresti a cercare lavoro in gravidanza è chiederti: che cosa voglio? Quali sono le mie esigenze in questo momento? Una volta compreso in maniera chiara la direzione da intraprendere e le necessità da soddisfare, puoi concretamente entrare in azione.

Se vuoi sapere come cercare lavoro quando sei incinta, segui questi 3 step per raggiungere il tuo obiettivo:

  1. aggiorna e perfeziona il tuo curriculum
  2. procedi con la ricerca del lavoro online e offline
  3. affidati ad un Career Coach

1. Aggiorna e perfeziona il tuo curriculum

Il primo passo da intraprendere per iniziare a cercare lavoro in gravidanza è quello di aggiornare il tuo CV. Ogni futura mamma in cerca di un nuovo impiego ha vissuto e sta vivendo situazioni differenti: c’è chi ha deciso di lasciare il precedente lavoro, chi è stata obbligata a farlo, chi ha deciso semplicemente di prendere una pausa. Insomma, indipendentemente dalla situazione in cui ti trovi, l’aggiornamento del CV è fondamentale per i seguenti motivi:

  • per fornire ai recruiters un quadro aggiornato della tua formazione e situazione attuale
  • per dare ai selezionatori una panoramica chiara delle competenze acquisite

Oltre all’aggiornamento, poi, il nostro consiglio è anche quello di ottimizzare il tuo CV rendendolo quanto più efficace possibile. Ad esempio, accanto alle attività svolte in precedenza, prova a inserire anche i risultati (in numeri o percentuali) che hai raggiunto; ancora, di fianco alle competenze che hai acquisito, aggiungi anche dettagli sulla mansione che ti ha permesso di impararle.

Vuoi perfezionare e ottimizzare il tuo CV rendendolo impeccabile agli occhi dei recruiters? Scegli il servizio Revisione CV Jobiri, il primo consulente di carriera intelligente che accelera il tuo inserimento nel mondo del lavoro. Lo strumento Revisione CV sfrutta l’intelligenza artificiale per analizzare il tuo curriculum in maniera mirata e ti dà validi suggerimenti per migliorarlo. Che cosa aspetti? Clicca qui e provalo subito.

2. Procedi con la ricerca del lavoro online e offline

A questo punto, dopo aver sistemato e perfezionato il CV, il prossimo step è quello di passare alla fase operativa della ricerca di lavoro. Come farle? Le modalità sono sostanzialmente due (una non esclude l’altra, ma sono piuttosto soluzioni complementari):

  • Ricerca del lavoro online: dove cercare lavoro su internet, nello specifico? Tramite social network professionali come LinkedIn o piattaforme di ricerca lavoro (job board). La ricerca del lavoro in rete avviene attraverso una preliminare registrazione del tuo account e l’inserimento di alcuni dati personali; poi, impostando alcuni filtri corrispondenti alle tue esigenze professionali, ti viene restituita una serie di offerte di lavoro. 
  • Ricerca del lavoro offline: complementare alla ricerca di lavoro online può essere anche la ricerca offline. Per ricerca offline si intende sostanzialmente la ripresa di contatti professionali potenzialmente utili: ricorda, la tua rete di contatti (non solo offline ma anche online) è fondamentale per generare un passaparola proficuo per la tua ricerca del lavoro in gravidanza.

3. Affidati ad un Career Coach

L’altro passo che potresti decidere di fare prima della tua ricerca in autonomia o successivamente (se non hai ottenuto risultati) è quello di affidarti ad un career coach. Quest’ultimo è un esperto di carriera che può supportarti nell’individuazione della giusta direzione da intraprendere per cercare lavoro in gravidanza in maniera efficace e soddisfacente. Grazie al supporto di un career coach hai la possibilità di analizzare la tua situazione personale e lavorativa attuale, identificando gli obiettivi professionali in grado di valorizzarti meglio e molto altro.

Cercare il lavoro in gravidanza in autonomia ti rende stressata e ansiosa? Raggiungi questo obiettivo con il Career Coaching Jobiri! Un professionista esperto sarà costantemente al tuo fianco per aiutarti non solo a superare tutti i tuoi dubbi e paure, ma anche a scegliere consapevolmente un impiego che ti permetta di coniugare perfettamente vita privata e professionale. Prenota una consulenza gratuita registrandoti qui.

Condividi questa storia, scegli tu dove!

Post correlati

Trova lavoro ora