La capacità di leadership è una delle soft skills fondamentali che, se possedute e correttamente sviluppate, fanno di un leader un buon leader, indipendentemente dal fatto che si tratti di un uomo oppure una donna. La leadership consiste nell’abilità di “saper guidare e motivare un gruppo di persone verso il raggiungimento di determinati obiettivi. 

Nel nostro Paese, la leadership fino ad (almeno) un decennio fa era considerata appannaggio esclusivo (o quasi) degli uomini: inutile negarlo, in Italia le posizioni dirigenziali e manageriali sono state da sempre – erroneamente – considerate “più adatte” agli uomini.

La tua situazione professionale non ti soddisfa?

Affidati ai nostri coach per trovare impiego, cambiare lavoro o crescere professionalmente come hanno già fatto 100.000 persone

Prenota consulenza gratuita
career_coaching_vs_career_counseling

Per fortuna, con il passare del tempo, stiamo assistendo ad un progressivo superamento di tali retaggi culturali, che però sono ancora piuttosto radicati: sicuramente oggi, dopo anni di lotte, è aumentata la percentuale di donne che ricoprono ruoli ai vertici aziendali; tuttavia, la strada da fare è ancora lunga per raggiungere una vera e concreta parità di genere.

Trattandosi di una tematica molto attuale e spesso trattata dall’opinione pubblica, nei paragrafi che seguono abbiamo pensato di approfondire questo argomento, focalizzandoci sulle caratteristiche della leadership femminile e offrendo concreti ed efficaci esempi di leadership al femminile.

Leadership femminile: cos’è?

Come accennato prima, la leadership rappresenta quell’abilità che consiste nel motivare un team verso obiettivi comuni e raggiungibili. Per far sì che questi siano condivisi da tutti i membri del gruppo di lavoro, occorre essere in grado di sviluppare tra i collaboratori fiducia, stima e rispetto reciproci ed essere capaci di valorizzare ciascuna persona sia per le proprie skill individuali sia per il suo (più o meno efficace) spirito di cooperazione e coesione all’interno del team.

Ecco, la leadership al femminile ha, quindi, come scopo proprio questo, ossia quello di promuovere lo sviluppo del proprio team e quindi il raggiungimento dei risultati prefissati, permettendo in questo modo la crescita sia professionale sia personale di ciascun dipendente.

La leadership al femminile, che vede le donne ricoprire ruoli di alto profilo all’interno delle organizzazioni, è, pertanto, una tipologia di leadership che, nella maggior parte dei casi, si distingue da quella maschile e assume connotati propri. Scopriamo di più sulle caratteristiche della leadership femminile nei prossimi paragrafi. 

Caratteristiche leadership femminile: quali sono le principali?

Si parla sempre di più di leadership al femminile e dei benefici che essa è in grado di portare all’interno di ogni organizzazione. Ma quali sono le principali caratteristiche della leadership femminile nello specifico?

Analizzando i risultati emersi da molteplici ricerche sulla tematica, diversi esperti concordano nell’affermare che le più importanti peculiarità della leadership femminile siano le seguenti:

  1. Empatia
  2. Intelligenza emotiva
  3. Capacità di ascolto
  4. Maggiore attenzione all’inclusività

1. Empatia

Secondo gli studiosi, una delle peculiarità che caratterizza la leadership femminile è l’empatia. Diversi esperti confermano, infatti, il fatto che l’empatia sia una skill molto distintiva nelle leader donne e che consiste appunto nel mettersi nei panni dell’altro e capire cosa sta provando in quel momento. Un buon leader è colei che sa capire i suoi collaboratori e sa differenziare il modo di rapportarsi a loro in base alla circostanza e al contesto. Un buon leader è anche colei che comprende le difficoltà di ciascun membro del team e cerca di trovare le soluzioni più adeguate: in questo modo, si crea anche più facilmente una relazione di stima e fiducia tra leader e collaboratori.

2. Intelligenza emotiva

Un’altra delle peculiarità della leadership femminile è l’intelligenza emotiva che, strettamente connessa all’empatia, consiste nella capacità di comprendere le proprie emozioni e saperle gestire. L’intelligenza emotiva è, dunque, fondamentale in quanto permette ad un leader non solo di comunicare in maniera più efficace, ma anche di entrare più facilmente in empatia con i gli altri membri del team, disinnescando i conflitti e alleviando qualsiasi forma di stress o stato d’animo negativo.

3. Capacità di ascolto

Sempre attenta “ai dettagli che fanno la differenza”, una leadership al femminile solitamente si differenzia anche per l’ottima capacità di ascolto, una skill non scontata e mai banale che, appunto, permette davvero ad un leader di fare la differenza. Grazie ad una buona capacità di ascolto, infatti, il leader riesce a concentrarsi completamente sul suo interlocutore, comprendendo pienamente i suoi bisogni e le sue esigenze.

4. Maggiore attenzione all’inclusività

Un’altra delle caratteristiche della leadership femminile che è stata evidenziata da molteplici ricerche è una maggiore importanza dedicata all’inclusività. Le donne, spesso proprio grazie ad un’attenzione e ad una sensibilità diverse rispetto a quelle maschili, tendono a dare maggiore spazio a tematiche come l’inclusività che, soprattutto oggi, sono fondamentali e sempre più ricercate. Un leader che promuove un’equa partecipazione al processo decisionale è un leader che crede fermamente nelle competenze dei suoi collaboratori.

Esempi di leadership al femminile

Dopo la teoria, si passa alla pratica. Vediamo a questo punto alcuni concreti esempi di leadership al femminile.

Sono tante le donne che si distinguono per una leadership efficace e di successo. Tra gli esempi di leadership al femminile che vogliamo condividere ci sono sicuramente i seguenti:

  • protagoniste del mondo della moda come Miuccia Prada, che è colei che da oltre 40 anni porta avanti il brand di famiglia; Donatella Versace che, dopo la morte del fratello, ha assunto non solo la guida dell’azienda di famiglia, ma ha anche creato un marchio di lifestyle di lusso; Chiara Ferragni, l’imprenditrice digitale che, nata come influencer di moda, ha creato negli ultimi anni oltre che un linea di abbigliamento, anche una di makeup.
  • protagoniste del panorama politico come Christine Lagarde, presidente della Banca Centrale Europea, Ursula Von der Leyen, la prima donna eletta presidente della Commissione Europea; Kamala Harris, la prima vicepresidente degli Stati Uniti D’America.

Non sei soddisfatta del tuo attuale lavoro? Ti senti poco motivata e stimolata dal contesto in cui ti trovi? Cerca un nuovo lavoro con Jobiri, il primo consulente di carriera intelligente che accelera il tuo inserimento in azienda. Grazie al servizio Ricerca Lavoro hai l’opportunità di accedere a decine di migliaia di offerte di lavoro in linea con il tuo profilo rapidamente, facilmente e senza fatica. Se, inoltre, senti il bisogno di confrontarti con un professionista che ti aiuti ad avere le idee più chiare sulla tua carriera e i tuoi obiettivi lavorativi, perché non rivolgerti a un Career Coach Jobiri? Puoi trovare l’esperto più in linea con le tue esigenze! Che cosa aspetti? Registrati qui e prova subito i nostri servizi!

Condividi questa storia, scegli tu dove!

Post correlati

Trova lavoro ora