Sebbene siano figure di frequente sovrapposte, scambiate e confuse tra loro, il leader e il manager, in realtà, sono ruoli differenti, pur essendo molto spesso complementari.

Infatti, per far sì che un team e, in generale, un’intera azienda funzionino e lavorino in maniera efficace e produttiva sono fondamentali entrambi i professionisti. In ogni caso, essendo per l’appunto due figure diverse, essere un buon leader non è sinonimo di essere anche un buon manager (e viceversa). 

Qual è, dunque, la differenza tra leadership e management (e quindi la differenza tra leader e manager)? Rispondiamo in dettaglio a questa domanda nei prossimi paragrafi.

Differenza tra management e leadership: definizioni e ruoli

Partiamo innanzitutto dal definire che cos’è la leadership e che cos’è il management.

La leadership è quell’abilità (per lo più quasi innata) che consiste nel guidare nella giusta direzione i membri di un team, condividendo con essi obiettivi e, in generale, una visione d’insieme.

Il management è, invece, la gestione di una serie di attività operative messe in atto da un team e aventi come scopo il raggiungimento di determinati obiettivi.

Come si evince da queste definizioni, dunque, la leadership si concentra maggiormente sul comunicare al team una certa visione d’insieme e sul coinvolgere, guidare e motivare quest’ultimo verso quella direzione. Il management, invece, si basa essenzialmente sul raggiungimento di obiettivi specifici e misurabili attraverso la pianificazione e il controllo delle attività dei membri del team.

La principale differenza tra leader e manager, quindi, è che il primo è colui che decide “la rotta” che il proprio team deve seguire, mentre il secondo è quel professionista che fa in modo che i membri del team seguano il percorso giusto verso quella rotta, svolgendo le attività in maniera valida ed efficace.

Differenza tra leader e manager: quali sono le abilità fondamentali che li contraddistinguono?

Per spiegare in maniera approfondita la differenza tra leadership e management ci concentriamo sulle principali abilità che contraddistinguono le figure di leader e manager.

Le abilità di un leader

1. Passione

Ciò che fa la differenza tra management e leadership è in primo luogo la passione. Per essere un buon leader è necessaria infatti una dose sconfinata di amore per quello che si fa e per quello in cui si crede. Solo un leader che è convinto veramente della propria visione può essere in grado di guidare e coinvolgere i membri del proprio team verso la direzione che ritiene giusta. Molto spesso, infatti, il leader funge proprio da modello per tutti gli altri collaboratori.

2. Motivazione

Accanto alla passione, è fondamentale essere motivati e al tempo stesso saper spronare il team per muoversi nella direzione identificata. Molto spesso un buon leader è colui che è in grado di tirar fuori il meglio dai propri dipendenti, spingendoli a superare i propri limiti, migliorando e migliorandosi giorno dopo giorno.

3. Innovazione

Un buon leader è anche colui che sa guardare lontano e che sa sviluppare una visione innovativa del business, anticipando trend o andando ad individuare fattori e/o dinamiche in grado di mostrarsi utili e valide anche, e soprattutto, in futuro.

4. Spirito di collaborazione

Tuttavia, tutto ciò che abbiamo descritto in precedenza non è realizzabile se alla base del team e del rapporto leader-team non c’è un profondo e sincero spirito di collaborazione. E quest’ultima può esserci soprattutto se è il leader ad infonderla nella squadra di lavoro e a “celebrarla” come una condicio sine qua non. Un buon leader è, dunque, colui che si fida dei propri collaboratori (e viceversa), i quali compongono un team nel quale ognuno ha stima e fiducia nell’altro. Solo in questo modo è possibile il raggiungimento di obiettivi comuni e condivisi.

Le abilità di un manager

1. Pianificazione e organizzazione

Ciò che fa la differenza tra leadership e management, inoltre, è il fatto che un buon manager deve conoscere alla lettera tutte le procedure e le regole necessarie affinché i collaboratori raggiungano gli obiettivi nel breve termine. La capacità di pianificazione e organizzazione delle attività da parte del manager è dunque fondamentale per far sì che le attività siano programmate in maniera strategica e che siano chiari sia i tempi da rispettare sia le priorità.

2. Capacità di delegare

Un’altra skill che fa di un manager un buon manager è la capacità di delegare, ossia di non fare tutto da solo, ma di assegnare le attività giuste ai professionisti giusti. 

3. Problem solving

Ultima ma non meno importante abilità che un buon manager deve possedere è la capacità di problem solving, ossia quella soft skill che consiste nel trovare soluzioni rapide ed efficaci alle difficoltà e/o ai problemi che si presentano all’interno del team o all’esterno, con clienti, fornitori e stakeholders.

Differenza tra leadership e management: per riassumere

Dunque, sulla base di quanto detto finora, possiamo riassumere in maniera più schematica la differenza tra leadership e management (e quindi la differenza tra leader e manager) tramite i seguenti punti:

Il leader:

  • Il leader è colui che ha una visione d’insieme
  • Il leader coinvolge con carisma e passione i membri del team
  • Il leader è un mentore che funge da esempio per la squadra di lavoro
  • Il leader adotta uno stile motivazionale
  • Il leader crea il cambiamento
  • Il leader ha dei “seguaci”
  • Il leader guarda maggiormente al futuro

Il manager:

  • Il manager gestisce e monitora le attività di tutto il team
  • Il manager controlla che vengano rispettate deadline e priorità
  • Il manager reagisce al cambiamento
  • Il manager ha dei “subordinati”
  • Il manager si concentra maggiormente sul presente e sul breve termine

Entrambe le figure investono sullo sviluppo del team e hanno come obiettivo ultimo il successo della propria azienda.

Sei un manager che vuole cambiare lavoro, ma ti senti disorientato nel farlo? Inizia un percorso di Career Coaching Jobiri, il primo consulente di carriera intelligente basato su AI. Grazie al supporto di un professionista esperto hai la possibilità di trovare un lavoro in grado di valorizzare le tue competenze senza stress e fatica. Avere l’aiuto di un career coach per gestire un cambiamento importante come questo è fondamentale. Che cosa aspetti? Registrati subito qui.

Condividi questa storia, scegli tu dove!

Post correlati

Trova lavoro ora