Il Coronavirus stimola il più importante esperimento di digitalizzazione

Il Coronavirus è l’occasione per il più importante esperimento di digitalizzazione dei servizi al lavoro

2020-04-17T12:40:04+02:00 2 Marzo 2020|Jobiri solidale|

Negli uffici di numerosi centri per l’impiego, career service universitari e sportelli lavoro le scrivanie sono vuote e i telefoni non squillano, poiché l’Italia è alle prese con un virus mortale.

In ottemperanza alle disposizioni d’emergenza regionali e nazionali, scuole, università, CPI e numerose strutture pubbliche sono chiuse e sempre meno sono le persone che vagano nei luoghi o piazze di solito affollate.

Nel tentativo di limitare i contatti sociali per rallentare la diffusione del coronavirus, migliaia di giovani, disoccupati e candidati alla ricerca di lavoro sono purtroppo abbandonati a sé stessi e rinchiusi nelle loro case.

Secondo Confesercenti, il rischio epidemia in Italia può generare una perdita di 3,9 miliardi di consumi e ciò  potrebbe portare alla chiusura di circa 15 mila piccole imprese in tutti i settori, dalla ristorazione alla ricettività, passando per il settore distributivo ed i servizi. L’impatto sull’occupazione potrebbe superare i 60mila posti di lavoro.

Se da una parte il coronavirus sta mettendo a rischio la ricerca del lavoro per migliaia di candidati italiani, la stessa grave minaccia può rappresentare l’occasione per il più grande esperimento di digitalizzazione del nostro Paese.

La digitalizzazione dei servizi al lavoro

Scuole, università, atenei nazionali ed internazionali si sono dovuti attrezzare in fretta e furia per far fronte all’emergenza coronavirus e non far perdere preziose ore di lezione agli studenti.

Il modello digitale che ne sta uscendo, può e deve essere velocemente applicato anche su quegli enti che erogano servizi al lavoro. Questi, infatti, rappresentano insieme alla formazione la colonna portante del nostro Paese per assicurare un futuro migliore a studenti e cittadini.

Come nelle scuole e nelle Università, anche i servizi al lavoro devono programmare interventi di accompagnamento al lavoro digitale utilizzando il computer o gli smartphone con la finalità di non lasciare giovani e disoccupati abbandonati e senza supporto.

L’ultimo decennio ha visto espandere i vantaggi dell’utilizzo di soluzioni digitali grazie all’accesso a nuove tecnologie e strumenti. Al giorno d’oggi, rispetto a 10 anni fa, è molto più semplice accedere ad internet, scrivere e-mail o fare videoconferenze da remoto. Secondo il Pew Research Center, in Italia il 71% dei cittadini dispone di uno smartphone utilizzabile per accedere a servizi digitali. Inoltre sempre più utenti si aspettano un servizio disponibile 24 ore su 24.

Per ridare dignità e valorizzare il patrimonio di competenze, progetti e professionisti che ogni giorno e tra mille difficoltà supportano migliaia di candidati nella ricerca di un lavoro, è necessaria una trasformazione culturale ed operativa. 

Questa trasformazione può avvenire solo abbracciando l’innovazione ed aprendosi al cambiamento, sperimentando nuove soluzioni, nuovi partner tecnologici ed uscendo dalla propria «zona di confort».

Jobiri: il primo consulente di carriera digitale

L’innovazione e la formazione sono i grandi driver di crescita e sviluppo su cui è necessario riorientare l’intero sistema dei servizi al lavoro. Non è più possibile rispondere a problemi nuovi e più complessi con ricette del passato. È necessaria una digitalizzazione dei servizi al lavoro!

Jobiri nasce per dare una risposta concreta al bisogno di innovazione dei servizi al lavoro. Offre il primo ecosistema integrato di servizi di carriera che interconnette Istituzioni, studenti, giovani, disoccupati e aziende.

Le Istituzioni:

  • governano e accelerano il job matching tra utenti e aziende
  • creano piani per la progettazione attiva di carriera
  • monitorano le attività di candidati e aziende, ne tracciano i progressi e supportano entrambi anche da remoto accelerando l’occupazione locale.

Gli studenti, giovani e disoccupati trovano in un’unica piattaforma:

  • un potente aggregatore di offerte di lavoro
  • un innovativo CV builder intelligente che fornisce suggerimenti per ottimizzare il proprio profilo per creare curriculum più efficaci,
  • un evoluto Cover Letter Builder con più di 800 esempi che permette di scrivere lettere di accompagnamento più accattivanti
  • uno strumento che permette di allenarsi ai colloqui con video simulazioni.

Le aziende possono:

  • ingaggiare talenti più efficacemente grazie a strumenti di employer branding
  • pubblicare opportunità lavorative
  • gestire il processo di selezione grazie ad un ATS (Applicant Tracking System) integrato
  • collaborare con le Istituzioni per favorire l’occupazione locale.

Contattaci per scoprire come possiamo aiutarti nella digitalizzazione dei servizi al lavoro della tua istituzione. Sei in buona compagnia insieme ad altre importanti Istituzioni come i Comuni di Lodi, Cremona, Novate Milanese, Bergamo, enti di formazione (CIOFS, IEXA, Università (Cà Foscari, Università Cattolica, San Raffaele, Università di Trieste) e molti altri enti pubblici e privati (come Daily internship).

digitalizzazione dei servizi al lavoro