Il manager è una figura chiave all’interno di ogni azienda, in quanto si occupa solitamente di coordinare e dirigere un team verso il raggiungimento di risultati ed obiettivi prefissati.

Il manager è, dunque, colui che, attraverso spiccate capacità di leadership, comunicazione e problem solving, si occupa di organizzare, integrare e coordinare le attività di tutti i membri della squadra di lavoro: si tratta di una figura che possiede una serie di importanti responsabilità che, se non gestite bene, rischiano di arrecare danni all’intera organizzazione.

La tua situazione professionale non ti soddisfa?

Affidati ai nostri coach per trovare impiego, cambiare lavoro o crescere professionalmente come hanno già fatto 100.000 persone

Prenota consulenza gratuita
career_coaching_vs_career_counseling

Data l’importanza del ruolo assunto dal manager per le organizzazioni e il grado di interesse che suscita una figura di questo tipo, in tanti si chiedono come diventare manager d’azienda e quale percorso di studi sia più consigliato. Proprio per questo abbiamo pensato di approfondire nei prossimi paragrafi i seguenti aspetti:

  • come si diventa manager di un’azienda
  • cosa fare per diventare manager
  • quali sono le figure di manager più richieste dal mercato del lavoro

Come si diventa manager di un’azienda: tutto quello che c’è da sapere

Se non hai idea di come rispondere a domande del tipo “come si diventa manager?”, “come diventare manager aziendale?”, “come diventare manager d’azienda?”, niente panico! È normale avere inizialmente dei dubbi su questo aspetto, dubbi che tentiamo subito di sciogliere.

Partiamo innanzitutto col dire che non esistono studi specifici e “obbligatori” che bisogna fare per diventare manager. Trattandosi, infatti, di una figura che richiede, oltre ad una preparazione specifica, anche il possesso di numerose soft skills, è importante che la formazione ricevuta durante il percorso di studi sia piuttosto ibrida.

Tra le facoltà che hanno più attinenza e che preparano maggiormente ad esercitare il ruolo di manager ci sono sicuramente le seguenti:

  • laurea in economia aziendale o management
  • laurea in ingegneria gestionale
  • laurea in marketing e affini 
  • master in management

Tutte quelle elencate sono lauree magistrali, ossia facoltà che prevedono cinque anni di studio (suddivisi in 3+2 o in un quinquennio completo). L’unica eccezione è costituita dal master che può essere conseguito dopo una laurea triennale ed ha solitamente la durata di un anno.

Dunque, questi elencati sopra rappresentano alcuni dei percorsi di studio più compatibili con lo svolgimento del ruolo di manager. Indispensabile, poi, è possedere un’ottima conoscenza della lingua inglese

Tuttavia, per sapere come si diventa manager occorre anche capire quali sono le capacità più richieste per diventare un professionista di successo.

Le cinque competenze più richieste per un manager

Come accennato sopra, sapere come si diventa manager di un’azienda richiede anche di acquisire consapevolezza di quelle che sono considerate le capacità più importanti e richieste per lo svolgimento di questo ruolo nel migliore dei modi.

Sono cinque le skill che abbiamo individuato e che permettono ad un manager di avere successo:

  1. Leadership
  2. Problem solving
  3. Empatia
  4. Ottime capacità di comunicazione
  5. Gestione del tempo

1) Leadership

Una delle abilità che ti permettono di diventare un ottimo manager è la leadership, che consiste appunto nella capacità di guidare e motivare un team verso il raggiungimento degli obiettivi stabiliti. La leadership rientra tra quelle che vengono definite soft skills, ossia quelle competenze trasversali che sono in parte innate, in parte sviluppabili attraverso la pratica e l’esperienza.

2) Problem solving

Altra capacità fondamentale da tenere presente per sapere come si diventa manager di un’azienda è il problem solving, abilità che consiste nel sapere individuare strategie e soluzioni efficaci per risolvere qualsiasi problema o difficoltà presenti all’interno o all’esterno del team. Un buon manager è, pertanto, colui che sa come gestire situazioni rischiose o particolarmente impegnative, senza mai perdere la calma e il controllo.

3) Empatia

L’empatia è la capacità di mettersi nei panni degli altri. Un buon manager, oltre a controllare, guidare, motivare e dirigere, deve anche saper dare la giusta attenzione a ciascun collaboratore, provando a comprendere stati d’animo ed emozioni in base al contesto e alla circostanza. Un manager che ha empatia nei confronti di ciascun membro del team è anche in grado di creare un clima di lavoro disteso, tranquillo e più produttivo.

4) Ottima capacità di comunicazione

Sapere come si diventa manager significa anche essere a conoscenza del fatto che un’ottima capacità di comunicazione sia fondamentale per garantire sempre trasparenza e chiarezza di informazioni all’interno del team. Comunicare in maniera efficace permette, inoltre, di ridurre al minimo qualsiasi tipologia di incomprensione o conflitto inutile e dannoso.

5) Gestione del tempo

Avere un’ottima capacità di gestione del tempo è fondamentale in quanto permette non solo di organizzare in maniera efficace ed efficiente impegni e a stabilire priorità, ma anche di riservare il giusto spazio alla vita privata. Un buon manager è anche colui che riesce ad avere un positivo ed equilibrato work-life balance.

Come diventare manager: le figure manageriali più richieste

Oltre a chiederti come si diventa manager di un’azienda?”, è utile anche capire quale specifica figura di manager ti piacerebbe diventare. 

Tra le tipologie di manager più richieste dalle aziende ci sono le seguenti:

  1. Brand Manager
  2. Project Manager
  3. Social Media Manager
  4. Sales Manager
  5. Account Manager

1) Brand Manager

ll Brand Manager è colui che si occupa della gestione dell’immagine dell’azienda o di una singola categoria di prodotto da migliorare e/o cambiare attraverso strategie ad hoc.

2) Project Manager

Il Project Manager è colui che si occupa della messa a punto di un progetto dall’inizio alla fine. Si tratta, quindi, di una figura che svolge attività di pianificazione, esecuzione, monitoraggio e completamento di un progetto, sulla base delle esigenze e delle richieste del cliente.

3) Social Media Manager

La figura del Social Media Manager è responsabile della gestione delle pagine social ufficiali dell’azienda e si occupa quindi di gestire la presenza dell’azienda su questi canali.

4) Sales Manager

Il Sales Manager è il responsabile del team di vendita e si occupa di garantire che gli obiettivi commerciali siano raggiunti efficacemente. Il Sales Manager è, pertanto, quella figura che è in grado di individuare tali obiettivi e le strategie per raggiungerli, definire il target di riferimento e il budget a disposizione.

5) Account Manager

L’Account Manager si occupa non solo dell’acquisizione di nuovi clienti, ma anche della fidelizzazione di quelli già acquisiti. Per fare ciò, l’Account Manager deve condividere pienamente valori e obiettivi dell’azienda: solo in questo modo è, infatti, possibile convincere efficacemente clienti e potenziali tali a scegliere il prodotto/servizio dell’azienda in questione.

Stai cercando un nuovo lavoro come manager e vuoi ottenerlo facilmente e in tempi rapidi? Affidati al servizio Ricerca Lavoro di Jobiri, il primo consulente di carriera digitale intelligente basato su AI. Grazie a questo strumento, hai l’opportunità di ricevere centinaia di risultati real-time in linea con il tuo profilo e compatibili con le tue esigenze e i tuoi desideri. Che cosa aspetti? Provalo subito registrandoti qui.

Condividi questa storia, scegli tu dove!

Post correlati

Trova lavoro ora