Il curriculum vitae rappresenta quel documento ufficiale che racconta il tuo percorso formativo e professionale. Per attrarre l’attenzione dei selezionatori e farti richiamare per un colloquio è molto importante che il tuo CV sia chiaro e sintetico.

Accanto a chiarezza e sintesi, risulta anche fondamentale personalizzare il tuo curriculum in base alla posizione per cui ti stai candidando. Selezionare, dunque, le informazioni giuste da inserire e includere tutti gli elementi necessari può davvero fare la differenza e farti acquisire punti in più rispetto agli altri candidati.

Una tematica molto dibattuta relativa alla stesura di un curriculum vitae è quella riguardante la firma sul curriculum. Molti, infatti, si chiedono se questo elemento sia da apporre obbligatoriamente sul cv e soprattutto come fare nel caso lo si debba fare. 

Se, dunque, vuoi approfondire questo argomento e se, soprattutto, ti stai chiedendo come firmare un curriculum, stai leggendo l’articolo giusto!

Quando firmare un curriculum

Scrivere un curriculum efficace significa anche sapere come si firma il curriculum, se è necessario farlo e se sì, in quali casi. 

Innanzitutto, va detto che in Italia la firma sul CV, da un punto di vista normativo, non è obbligatoria. Il curriculum vitae rappresenta infatti già in sé un documento di autocertificazione valido che non necessita di ulteriori prove di veridicità.

Tuttavia, è possibile che la firma sul curriculum ti venga chiesta in presenza delle seguenti circostanze:

  • motivi di tipo legale
  • accesso a lavori nella Pubblica Amministrazione
  • posizioni per lavori statali per le quali viene fornito un modello di CV preimpostato con richiesta di inserimento di data e firma
  • tutte le circostanze in cui viene richiesto di apporre la firma nel CV

Tuttavia, se da un lato non è sempre necessario inserire la firma sul CV, dall’altro è obbligatorio apporre in calce al curriculum alcune formule specifiche con cui presti il tuo consenso al trattamento dei dati personali.

Alcune delle espressioni sul rispetto della normativa sul GDPR e del consenso dei dati personali sono:

  • Autorizzo il trattamento dei dati personali contenuti nel mio curriculum vitae ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e all’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 per la protezione delle persone fisiche e giuridiche riguardo al trattamento dei dati personali.
  • Autorizzo il trattamento dei miei dati personali presenti nel cv in conformità con l’art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e dell’art. 13 del GDPR (Regolamento UE 2016/679).
  • Acconsento al trattamento dei dati personali presenti nel mio curriculum vitae in base all’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e all’art. 13 GDPR 679/16.

Ti stai chiedendo come creare un curriculum perfetto rapidamente e senza fatica? È facile! Basta usare il CV Builder di Jobiri, il primo consulente di carriera intelligente che accelera il tuo inserimento nel mondo del lavoro. Grazie a questo strumento, che sfrutta i vantaggi dell’intelligenza artificiale, puoi creare un curriculum in grado di farti notare dai recruiters utilizzando esempi di frasi scritte da selezionatori e career coach esperti. Scrivi il tuo curriculum con Jobiri!

Come firmare un curriculum

Anche se la firma non è obbligatoria, in presenza delle circostanze citate sopra potrebbe esserti molto utile sapere come si firma il curriculum nel modo più corretto. 

La firma nel CV può essere inserita sia come immagine sia utilizzando tool che permettono di creare una firma digitale sul CV.

Nel primo caso, ossia inserire la firma come immagine, basta seguire i seguenti passaggi:

  1. Procurati un foglio bianco e scrivi in maniera leggibile la tua firma
  2. Scattale una foto sufficientemente nitida
  3. Importa la foto della firma sul tuo PC
  4. Salvala in .png o .jpg, a seconda delle tue esigenze
  5. Caricala dove richiesto e avrai allegato la firma al tuo CV

Come mettere la firma digitale sul curriculum

Nel secondo caso, ossia inserire la firma digitale sul curriculum (o su qualsiasi tipo di documento), c’è da fare un discorso a parte. Si tratta di una particolare firma elettronica crittografata che funge da prova dell’integrità di un documento. Nelle rare e particolari circostanze in cui ti venisse richiesto l’inserimento di questo tipo di firma, ecco cosa dovresti fare per ottenerla:

  1. Scegli l’ente certificatore che preferisci e acquista il kit di firma digitale che più si adatta alle tue esigenze.
  2. Per verificare la tua identità hai diverse opzioni: riconoscimento online (attivando semplicemente la tua webcam o l’app dell’ente in questione), riconoscimento di persona (recandoti fisicamente in un ufficio comunale) e riconoscimento remoto (utilizzando il sistema NFC, o con la CNS, collegando la smartcard al tuo PC).
  3. Sblocca il servizio di firma digitale. Ti basterà accedere al sito dell’ente con le tue credenziali.
  4. Una volta ottenuta la tua firma digitale è necessario munirsi dei software e dei driver di firma (se non sono inclusi nel tuo kit), avviarli e selezionare eventuali file (.PDF, .DOCX, .DOC, .XLSX, .XLS.) da autenticare.
  5. Seleziona un formato di firma (CAdES, PAdES, ASiC-S) e inseriscila nei tuoi documenti! N.B. Spesso, prima dell’inserimento è necessario che tu fornisca il codice PIN della tua smart card – se hai il kit fisico – oppure un codice OTP in aggiunta alle tue credenziali, se hai un dispositivo o un app OTP.

Non ha idee su come scrivere una lettera di presentazione efficace da inviare insieme al tuo CV? Affidati al Letter Builder di Jobiri e crea la tua prossima Cover Letter. Grazie a questo strumento puoi infatti creare la tua lettera di presentazione online facilmente e in tempi record scegliendo tra decine di modelli testati direttamente con i recruiters. Che cosa aspetti? Provalo subito, registrati qui.

Condividi questa storia, scegli tu dove!

Post correlati