Stai cercando lavoro e vuoi farti notare su LinkedIn per essere potenzialmente contattato per un colloquio? Prima di tutto, controlla il tuo sommario e scopri perchè non dovresti mai scrivere “Disoccupato/a” o “Alla ricerca di lavoro”.

Nel sommario ci sono le prime informazioni che le persone leggono su di te, dopo il nome e il cognome. Infatti, quando lasci un commento sotto un post, quando compari tra i risultati di ricerca dei selezionatori (oggi tantissimi di loro trovano candidati tramite LinkedIn), o quando un responsabile del personale vuole guardare il tuo profilo prima di un colloquio (sì, lo fanno anche se non hai inviato la candidatura direttamente su LinkedIn), il sommario gioca un ruolo centrale.

Quello che decidi di inserire o non inserire in questa breve descrizione può davvero fare la differenza:

  • Può motivare o meno una persona a leggere interamente il tuo profilo o dare credito ad una candidatura
  • Ti consente di apparire nei risultati di ricerca dei recruiters

In questo articolo, ti mostreremo i 12 migliori sommari di LinkedIn per chi cerca lavoro e ti spiegheremo come scrivere il tuo.

Come scrivere il sommario di LinkedIn per chi cerca lavoro

Se stai cercando lavoro, per scrivere un sommario accattivante e attirare l’attenzione puoi inserire gli aspetti elencati qui sotto. Si tratta proprio degli elementi che accomunano i 12 migliori sommari di LinkedIn per la ricerca del lavoro:

1. Scrivi le tue competenze e capacità (Cosa sai fare?).
2. Includi il ruolo professionale più recente o che hai ricoperto in passato, se è in linea con la posizione che stai cercando ora.
3. Comunica il valore aggiunto che potresti apportare (Perché dovrebbero sceglierti?).
4. Inserisci almeno una parola chiave/frase inerente al lavoro che stai cercando, che si tratti del titolo professionale o di una competenza rilevante.
5. Scrivi qualcosa di originale e unico per far risaltare il tuo profilo: un risultato specifico, un premio, una passione o un hobby. Nel corso dell’articolo troverai degli esempi concreti a riguardo.

Di seguito troverai i 12 esempi di sommari di LinkedIn particolarmente adatti per chi sta cercando lavoro. Cosa aspetti? Prendi spunto dalle formule che ti proponiamo per personalizzare il tuo sommario e ottenere più colloqui.

Il miglior sommario di LinkedIn per posizioni entry-level e neolaureati

Se hai conseguito da poco la laurea e sei alla ricerca di un lavoro senza avere esperienze professionali pregresse in linea con la posizione, puoi valutare di utilizzare questa formula:

1. Neolaureato/a in ___ con specializzazione in ___, ___ e ___

Esempio:
Neolaureato in finanza con specializzazione in analisi finanziaria, reporting e auditing.

Tuttavia, se parallelamente agli studi hai maturato un’esperienza lavorativa rilevante, anche uno stage o un lavoro part-time, ti consigliamo di mettere in luce questo aspetto utilizzando le linee guida che abbiamo presentato precedentemente. L’esperienza sul campo rappresenta un valore aggiunto che può davvero contraddistinguerti e che i datori di lavoro apprezzano molto.

Se ti sei laureato da poco e non hai ancora le idee chiare su quali percorsi professionali orientarti, non c’è problema: leggi questo articolo su come trovare il lavoro giusto, capire più facilmente chi sei e in che direzione vuoi andare

Esempi di sommari di LinkedIn per chi cerca lavoro e ha esperienza

Ora ti proponiamo diversi esempi di sommari a cui puoi ispirarti se invece hai alle spalle esperienza lavorativa e vuoi valorizzarla nel tuo profilo. Per ogni traccia e modello di sommario che ti presentiamo, troverai un esempio concreto di come apparirebbe su LinkedIn e la tipologia di profilo per cui può essere più adatto (junior, candidati con esperienza, professionisti che vogliono cambiare ruolo o settore, ecc.).

2. Ruolo | Risultato specifico

Esempi:
Rappresentante commerciale B2B | 1,1 milioni di euro generati nel 2020

Gestore di annunci digitali | 5 anni di esperienza nella gestione di budget pubblicitari sopra i 10.000 euro/mese

Questo sommario è ottimo per chi sta cercando lavoro e nell’esperienza pregressa ha raggiunto risultati quantificabili.
Pensi che questo modello sia adatto solo per chi lavora nel campo delle vendite? Pensaci bene… solitamente esiste sempre un modo per presentare il proprio lavoro in termini quantitativi, a prescindere dal ruolo.

Ad esempio: se sei uno scrittore, quanti contenuti hai creato? Se lavori come addetto al supporto tecnico, quanti utenti hai aiutato a settimana? O quante problematiche tecniche hai risolto in un mese?

I risultati quantitativi sono delle prove tangibili in grado di convincere il nuovo datore di lavoro rispetto ai benefici che potresti generare anche in un nuovo contesto professionale. Per tale ragione, un sommario di questo tipo è uno dei migliori per chi è alla ricerca di un impiego.

3. Ruolo | Anni di esperienza nel settore | Curiosità e aspetto distintivo

Esempi:
Direttore risorse umane | 10+ anni di esperienza nell’ambito della gestione del personale | Appassionato e certificato come coach professionista

Ingegnere di produzione senior | 6+ anni di esperienza nel comparto produttivo | Appassionato di enigmistica

Questo modello di sommario è un’ottima strategia per inserire più parole chiave relative al lavoro che stai cercando (in modo che tu possa apparire nelle ricerche dei selezionatori su LinkedIn), mostrando anche una personalità originale.
Si tratta di un sommario particolarmente adatto per chi ha accumulato almeno due anni di esperienza lavorativa.

4. Ruolo | Settore/Competenza | Valore aggiunto che proponi

Esempi:
Direttore delle risorse umane presso Oracle | Tecnologia software | Formatore HR certificato

Scienziato R&S presso Pfizer | Ricerca oncologica | Blogger di scienza

Questo è simile all’esempio precedente, ma con una differenza sostanziale: la sezione centrale riguarda il settore, piuttosto che il numero di anni di esperienza. Si tratta di una soluzione più indicata per chi ha meno anni di esperienza, ma sta cercando una nuova opportunità nello stesso settore da cui proviene.

5. Ruolo | Aiuto ___ (tipo di azienda) a fare ___ (risultato)

Esempio:

Social Media Manager | Aiuto le start-up a gestire e far crescere i propri social media per aumentare le vendite

Di seguito riportiamo una formula ancora più semplice che si ispira alla medesima idea di base. Consigliamo questa variazione per liberi professionisti, consulenti e coach:

6. Aiuto ___ (tipo di azienda) a fare ___ (risultato desiderato)

Esempio per liberi professionisti:
Aiuto professionisti a generare € 10.000-20.000 aggiuntivi al mese tramite campagne video

7. Cosa fai/difficoltà ed esigenze a cui rispondi | Parola chiave 1 | Parola chiave 2 | Parola chiave 3

Esempio:
Aiuto i produttori a diventare più efficienti attraverso l’ingegneria di processo | Certificato GMP | Project Manager | CQE

Le parole chiave dovrebbero essere quelle che cercherebbero un recruiter o un responsabile delle assunzioni se stessero cercando qualcuno con le tue competenze o il tuo background.

Può essere molto efficace utilizzare strumenti gratuiti online di analisi delle parole chiave per comprendere quali inserire nel sommario. Delle volte uno stesso ruolo professionale può essere nominato con parole diverse: potresti così scoprire che una determinata parola può essere più ricercata rispetto ad un’altra, pur riferendosi allo stesso ruolo lavorativo.

8. <Ruolo/Titolo di lavoro> specializzato/a in ____, ____ e ____

Esempio:
Content Marketing Strategist specializzata in comunicati stampa, contenuti di blog e social media

Questo è un modello abbastanza semplice che mette il ruolo lavorativo in primo piano e ti consentirà di apparire nei risultati di ricerca dei recruiters e responsabili delle assunzioni che cercano il titolo e le competenze che hai inserito. Hai così la possibilità di includere più parole chiave e aumentare le probabilità che il tuo profilo venga trovato e visualizzato.

9. X anni di esperienza in ____ | Aiuto ____ a ____

Esempi:
5+ anni di esperienza nella gestione dei prodotti software | Aiuto le aziende tecnologiche a crescere e fornire eccezionali mobile app e web app

8 anni di esperienza nell’assistenza di aziende quotate | Aiuto marchi globali a offrire un’esperienza cliente eccezionale

Questo è simile al sommario dell’esempio n. 2 , ma è centrato sugli anni di esperienza e ti dà allo stesso tempo la possibilità di mostrare il contributo di crescita che puoi generare in azienda.
Se la solida esperienza in un settore è il tuo punto di forza, allora questo sommario può essere un’ottima idea per il tuo profilo LinkedIn.

10. Area di competenza n. 1 e area di competenza n. 2

Esempi:
Esperta di pubblicità online e strategie di marketing digitale

Responsabile del team di ingegneri e professionista della gestione dei progetti

La semplicità a volte può essere la miglior formula per dimostrare a un selezionatore che sei proprio il candidato che sta cercando.
Se hai ricoperto esattamente il ruolo di cui ha bisogno il datore di lavoro, questo sommario può davvero aiutarti a centrare il bersaglio. Ti basterà selezionare le due principali competenze o aree di lavoro più in linea al ruolo che vorrai ricoprire per indirizzare in modo diretto il tuo sommario verso l’obiettivo, senza ulteriori dettagli che potrebbero distrarre o conferire disordine alla presentazione.
Se vuoi che il tuo sommario sia breve, semplice e diretto, questo può essere quello che fa più al caso tuo.

Perchè NON dovresti scrivere “Disoccupato/a” o “Alla ricerca di lavoro” nel tuo sommario?

Hai notato che nessuno degli esempi che abbiamo presentato contiene parole come “Disoccupato/a” o “Alla ricerca di lavoro”?
Ecco i motivi per cui ti sconsigliamo di dichiarare direttamente nel sommario che sei alla ricerca di una nuova opportunità:

  • Comunichi solamente che stai cercando lavoro e perdi l’opportunità di presentare chi sei e che valore aggiunto puoi portare.
  • I candidati attualmente più richiesti e ricercati su LinkedIn non hanno inserito questa tipologia di informazione nel sommario, eppure vengono spesso contattati dai recruiters.

Quest’ultimo punto dimostra che posizionarsi e presentarsi come professionisti e non solamente come “qualcuno che sta cercando lavoro” può fare la differenza. Se per te è proprio importante dichiarare che sei alla ricerca del lavoro, ti consigliamo di scrivere almeno alcune parole chiave rilevanti e il tipo di ruolo che vorresti ricoprire.

Ecco alcuni esempi:

11. <Ruolo> in cerca di ___ opportunità

12. <Ruolo> alla ricerca di opportunità in ___ (area specifica)

Esempi:
Segretaria di Direzione con 5+ anni di esperienza alla ricerca di opportunità nel settore digitale

Analista finanziario in cerca di nuova opportunità nel settore dell’investment banking

In questo modo, il sommario comunica comunque qualcosa sulla tua esperienza e sul tipo di lavoro per cui sei adatto, oltre a dire che cerchi delle opportunità.

L’importante è che non “sprechi” il sommario di LinkedIn per comunicare soltanto che stai cercando attivamente lavoro.

Come scegliere le parole chiave giuste per il sommario di LinkedIn?

Se stai cercando lavoro, è importante che tu venga trovato dai recruiters e per questo dovresti scrivere le giuste parole chiave. Ma quali inserire? Prova a fare un brainstorming di parole chiave specifiche del tuo settore e ruolo. Ti consigliamo di evitare frasi generiche come “Leader esperto” e di pensare alle hard skills e alle abilità che è importante possedere per il tipo di lavoro che stai cercando. Puoi anche prendere spunto dagli annunci di lavoro che trovi sul web.

Di seguito trovi esempi di termini tecnici o aree di competenza specifiche relative a diversi settori.

Esempi:

  • HTML
  • Marketing dei contenuti
  • Produzione GMP
  • Verifica di conformità
  • Salesforce
  • Onboarding dei candidati
  • Servizio clienti telefonico
  • Negoziazione
  • Funnel di vendita
  • ecc.

Questo aspetto è importante per ogni persona che sta cercando lavoro, ma soprattutto per coloro che vogliono dare un orientamento diverso alla loro carriera o cambiare settore. Infine, assicurati di scrivere le parole chiave più ricercate dai datori di lavoro o dai recruiters.

Il titolo di LinkedIn per la ricerca di lavoro deve includere l’ultimo titolo professionale?

Potresti aver notato che in molti degli esempi che abbiamo riportato c’è un posto per inserire il tuo ruolo o il tuo principale ambito di competenza.

Tuttavia, non esiste una regola secondo cui questa sezione debba per forza coincidere con il tuo esatto titolo professionale, così come è stato definito nel contratto con la tua ultima o attuale azienda.
Ad esempio, potresti scrivere il ruolo professionale che vorresti ricoprire, che non obbligatoriamente coincide con quello che hai ricoperto sino ad ora. Oppure, se hai un titolo insolito come “Client Happiness Manager”, puoi definirlo con un nome più comune e riconoscibile, ma che si riferisce più o meno alle stesse mansioni che hai svolto precedentemente.

Tieni a mente questa sfaccettatura quando scrivi il tuo sommario LinkedIn. Poni quindi l’attenzione sulle parole chiave e sui titoli che vorrebbe vedere il tuo futuro datore di lavoro e non su come la tua ex azienda ha deciso di nominare il tuo ruolo.

E adesso? Scrivi subito il tuo sommario di LinkedIn per la ricerca di lavoro

È arrivato il momento di passare alla pratica! Prendi un pezzo di carta o apri il tuo PC. Seleziona i modelli di sommario che fanno più al caso tuo e personalizzali con le tue informazioni. Scrivi da 3 a 5 titoli che ti sembrano adeguati e convincenti, poi chiudi tutto e rileggili il giorno seguente. A volte rivedere dei contenuti scritti con un giorno di distanza aiuta a guardarli con più lucidità. In questo caso è utile per capire quale sommario colpisce maggiormente la tua attenzione “a colpo d’occhio”.

Ora che hai scoperto come migliorare il tuo sommario LinkedIn per trovare lavoro, continua a seguirci sul nostro blog per leggere altri articoli utili. Se invece hai bisogno di un supporto concreto nella ricerca di lavoro, prova uno dei servizi online Jobiri, il tuo consulente di carriera digitale intelligente:

Registrati adesso! O se invece vuoi un supporto ancora più personalizzato puoi affidarti ai nostri career coach. Richiedi una consulenza. E’ gratuita e può cambiarti la vita. 

 

Condividi questa storia, scegli tu dove!

Post correlati