Avere spiccate capacità di comunicazione è alla base della buona riuscita di qualsiasi colloquio di lavoro. Saper comunicare il proprio valore rappresenta, infatti, quel quid in più che permette ai candidati di fare davvero la differenza.

Solitamente, in ogni colloquio di lavoro i selezionatori chiedono inizialmente al candidato di fare una breve presentazione di se stesso, non solo per avere informazioni in più sulle sue esperienze, ma anche per capire quanto efficace è la sua capacità di sintetizzare in pochi minuti la sua vita professionale, trasmettendo il suo valore aggiunto.

La tua situazione professionale non ti soddisfa?

Affidati ai nostri coach per trovare impiego, cambiare lavoro o crescere professionalmente come hanno già fatto 150.000 persone

career_coaching_vs_career_counseling

Questa presentazione del candidato, solitamente suscitata dalla celebre domanda dei recruiter “Mi parli di lei” – rappresenta in sostanza anche quello che viene chiamato “elevator pitch”. Si tratta di uno strumento molto utile per fare colpo sin da subito sui selezionatori durante il colloquio di lavoro, per questo abbiamo pensato di approfondire questa tematica nell’articolo. 

Cos’è l’elevator pitch di un colloquio di lavoro, quindi? Quali sono le strategie per strutturare un elevator pitch di successo? Scopriamolo subito, vedendo anche un concreto esempio di elevator pitch del colloquio di lavoro.  

Elevator pitch colloquio di lavoro: che cos’è?

Il termine “elevator pitch” significa letteralmente “discorso da ascensore”, un discorso breve, coinvolgente e persuasivo che può essere utilizzato in differenti circostanze e contesti.

L’elevator pitch è una tipologia di discorso nato in America nel contesto dinamico e competitivo delle start up e veniva inizialmente utilizzato dagli startupper per presentarsi e illustrare brevemente i progetti con l’obiettivo di convincere gli investitori a finanziarli. 

Da quello specifico contesto, poi, l’elevator pitch è passato ad altri ambiti, venendo utilizzato per diversi scopi, tra cui il colloquio di lavoro

Contatta un consulente di carriera

I nostri career coach possono aiutarti a trovare un nuovo lavoro e nella tua crescita professionale

Nel contesto del colloquio di lavoro, l’elevator pitch conserva il suo scopo di convincere e persuadere, ma non gli investitori bensì i selezionatori. È importante, dunque, che l’elevator pitch di un colloquio di lavoro presenti determinate caratteristiche per garantire il successo del candidato.

Elevator pitch colloquio di lavoro: 5 utili consigli per renderlo efficace

L’elevator pitch da colloquio di lavoro , per essere efficace e permetterti di raggiungere il tuo obiettivo, deve essere preparato alla perfezione e seguire alcune regole, senza le quali rischieresti di commettere qualche errore e compromettere il successo del colloquio.

Ecco allora 5 suggerimenti utili per rendere impeccabile il tuo elevator pitch da colloquio di lavoro:

  1. Concentrati su chi sei e su quali sono i tuoi obiettivi
  2. Spiega brevemente le tue esperienze professionali
  3. Dimostra il tuo valore
  4. Sii breve
  5. Preparati in anticipo e registrati

1. Concentrati su chi sei e su quali sono i tuoi obiettivi

Come rendere efficace il tuo elevator pitch durante il colloquio di lavoro? Innanzitutto, concentrati su chi sei e su quali sono i tuoi obiettivi. Che cosa significa questo? Il tuo elevator pitch deve sostanzialmente contenere una tua breve presentazione (chi sei e cosa fai) e la descrizione persuasiva, concreta e concisa di quali sono gli obiettivi di medio lungo termine che vuoi raggiungere se la tua assunzione andrà a buon fine. In questo modo, mostrerai fin da subito di avere le idee chiare e di sapere quello che vuoi per la tua carriera e quindi per la tua crescita professionale.

2. Spiega brevemente le tue esperienze professionali

È importante, nel corso della tua presentazione, riservare alcuni secondi per illustrare brevemente le tue esperienze professionali. Non importa entrare nei dettagli, ma accennare di aver ricoperto una o più posizioni (simili o differenti tra loro) aiuta i selezionatori a capire meglio il tuo profilo e a farsi un’idea sul tuo livello di esperienza. Ricordati sempre di mettere in evidenza, nel tuo discorso sulle esperienze professionali, le competenze che ciascuna di queste ti ha permesso di acquisire. Così facendo, dai anche modo ai selezionatori di capire in maniera più approfondita quali sono i tuoi punti di forza e quali skills sei più capace di mettere in campo nelle tue attività quotidiane.

3. Dimostra il tuo valore

Strettamente collegata ai punti di forza è, appunto, la messa in evidenza del tuo valore. È importante che il tuo elevator pitch del colloquio di lavoro faccia emergere il valore che sei in grado di portare all’interno dell’organizzazione. Per fare questo racconta brevemente i traguardi che hai raggiunto nel corso delle tue precedenti esperienze professionali (utilizza numeri e/o percentuali per dare maggiore concretezza): in questo modo, darai ai selezionatori l’opportunità di avere non solo di avere un’idea precisa e quantificata dei tuoi risultati, ma anche del fatto che sei consapevole di quanto siano importanti.

4. Sii breve

La brevità è una delle caratteristiche fondamentali di un elevator pitch da colloquio di lavoro: se non rispetti tale requisito, rischi non solo di abbassare notevolmente il livello di attenzione dei selezionatori, ma anche di deludere le loro aspettative. Pertanto, tieni ben presente che il tempo ideale per affrontare tutte le tematiche riportate sopra va dai 60 ai 120 secondi; è importante che in questo lasso di tempo così breve tu riesca a lasciare qualcosa ai tuoi interlocutori, in modo tale che questi si ricordino di te.

5. Preparati in anticipo e registrati

Proprio per rispettare la brevità e, al tempo stesso, riuscire a toccare tutti i punti elencati sopra, è fondamentale allenarsi e preparare in anticipo il tuo elevator pitch da colloquio di lavoro. Il nostro consiglio per avere successo è, pertanto, quello di preparare una sorta di “canovaccio” in cui sono elencati i punti salienti da trattare nel tuo elevator pitch; inoltre, per rispettare la brevità, prova a registrare il tuo discorso, sia per capire di quanto tempo hai bisogno, sia per riascoltare il tuo tono di voce e la tua velocità di comunicazione. Facendo ciò, vedrai che sarà molto più semplice riuscire ad essere impeccabile agli occhi dei selezionatori.

Elevator pitch colloquio di lavoro: un esempio

Per capire nel concreto come preparare un discorso efficace, abbiamo pensato di fornirti non un solo esempio di elevator pitch da colloquio di lavoro, bensì due.

Elevator pitch colloquio di lavoro: esempio 1

“Sono Maria Rossi e mi occupo di digital marketing in [nome azienda] da [numero anni]. Prima di ricoprire la mia attuale posizione, ho avuto due esperienze importanti sempre nello stesso ambito, una presso [nome azienda] e l’altra in [nome azienda]. Come è facilmente intuibile dalle mie esperienze professionali, dunque, ho un forte interesse per il settore della moda, ambito nel quale vorrei crescere ed affermarmi. Dopo aver ideato e seguito una campagna di comunicazione che mi ha permesso di aumentare i followers sui social di [%] e di aumentare l’awareness del nostro target del [%], punto ad ottenere risultati più ambiziosi presso la vostra azienda.”

Elevator pitch colloquio di lavoro: esempio 2

“Mi chiamo Alberto Bianchi, piacere di conoscerla. Lavoro in ambito sales da più 10 anni, contando esperienze sia in pmi sia in multinazionali. Amo lavorare in ambienti competitivi e in team orientati al raggiungimento di obiettivi di vendita. Il mio approccio è orientato alla costruzione di rapporti di fiducia con i clienti, rapporti che mi hanno permesso di effettuare vendite per milioni di euro (con breve esempio per contestualizzare). Sono desideroso mettere le mie abilità e la mia esperienza al servizio della sua azienda.”

Hai bisogno di supporto per gestire l’ansia che ti assale prima di un colloquio di lavoro? Stai cercando un metodo sicuro e veloce che ti permette di prepararti al meglio ad affrontare i tuoi colloqui? Affidati al video simulatore di interviste Jobiri, il primo career advisor basato su AI. Grazie a questo tool, hai l’opportunità di fare pratica e di scoprire quali sono domande e risposte più comuni o più difficili che i selezionatori pongono. Supera facilmente il tuo prossimo colloquio registrandoti qui.

Condividi questa storia, scegli tu dove!

Post correlati