Possono essere tante le cause di una lunga pausa dal lavoro: la nascita di un figlio, una lunga malattia, problemi familiari o semplicemente la voglia di rilassarsi e prendersi una pausa. 

Queste e tante altre motivazioni potrebbero spingerti e/o obbligarti, a qualunque età, ad interrompere per un periodo più o meno lungo la tua attività professionale.  Tuttavia, che la pausa sia stata forzata o meno, è un dato di fatto che la decisione di tornare a lavorare non è sempre facile da affrontare. Tornare a lavoro dopo una lunga assenza genera, infatti, in coloro che si trovano in questa situazione ansia e timore di non farcela o di non “riuscire ad essere come prima”.

A questo, poi, c’è da aggiungere che anche i recruiters e le stesse aziende non guardano di buon occhio una lunga assenza sul curriculum. Che fare? Come potersi reinserire senza troppe difficoltà nel mondo del lavoro?

“I Relaucher”, quelli che tornano a lavoro dopo una lunga pausa

In gergo professionale vengono chiamate “Relauncher” le persone che tornano a lavorare dopo aver interrotto la loro carriera. Non è raro che qualche selezionatore guardi di sottecchi chi si è assentato per un lungo periodo da lavoro, tuttavia sempre più aziende considerano i Relauncher una risorsa preziosa da sostenere e valorizzare.

Dunque, se hai preso una lunga pausa e vuoi tornare a lavorare, niente paura! Se hai interrotto il tuo lavoro per accudire tuo figlio, per staccare la spina o per qualunque altro motivo, continua a leggere per scoprire come riprendere a lavorare con più grinta, motivazione, maturità e consapevolezza.

Strategie per rientrare nel mercato del lavoro

Per combattere le difficoltà del reinserimento nel mondo del lavoro, ti consigliamo di seguire alcune utili strategie:

  1. Fai un bilancio delle tue competenze
  2. Riattiva il tuo network professionale
  3. Migliora il tuo cv e la lettera di presentazione
  4. lavora su te stesso

1. Fai un bilancio delle tue competenze

Fare un bilancio quanto più realistico possibile delle proprie competenze è sempre un ottimo punto di partenza. Tornare al lavoro dopo la maternità , paternità o comunque dopo una lunga pausa legata a varie motivazioni, infatti, può implicare la “perdita” di alcune competenze o il mancato aggiornamento su altre. Ad ogni modo, a seconda del settore dove hai lavorato, è importante tenere a mente che nel frattempo le cose potrebbero essere cambiate e che è quindi utile aggiornarti, ad esempio con un corso specifico.

2. Riattiva il tuo network professionale

Che tu voglia trovare un nuovo lavoro dopo i 40 anni, o che voglia ricominciare a lavorare dopo una pausa più o meno lunga legata a differenti motivi, o in generale che tu (a prescindere dall’età) voglia rimetterti in gioco nel mercato del lavoro, il network professionale resta sempre un fattore cruciale per raggiungere la tua meta. Se dopo essere stato assente dal lavoro, infatti, hai perso i contatti con il tuo network, è fondamentale ripristinarli. Riallacciare i rapporti con i contatti giusti significa rientrare a far parte di una rete dalla quale poter ricevere consigli, proposte, aggiornamenti.

3. Migliora il tuo cv e la lettera di presentazione

Durante la pausa hai trascurato il tuo cv e la lettera di presentazione? E’ questo il momento giusto per prestare attenzione anche a loro. Se, per esempio, nel corso della tua assenza dal lavoro hai frequentato corsi, anche online, o hai migliorato/ acquisito delle skills, è utile inserirlo nel tuo curriculum e nella tua lettera di presentazione. In questo modo, permetterai anche ai recruiters di farsi un’idea più positiva del tuo buon uso del tempo e del tuo essere una persona proattiva, nonostante l’interruzione della tua attività professionale.

Scopri i servizi online Jobiri per scrivere il CV, revisionare il curriculum e personalizzare la tua lettera di presentazione.

4. Lavora su te stesso

Una lunga pausa dal lavoro, si sa, può essere causata da eventi positivi, come la nascita di un bambino o un viaggio, ma anche da altri meno piacevoli, come una malattia, uno stato di depressione, un licenziamento e tanto altro. Dunque, soprattutto in questi ultimi casi, il primo step da percorrere è quello di ritrovare e rafforzare la tua autostima. Essere sicuri di se stessi, infatti, è fondamentale per ritornare a lavorare con serenità e soddisfazione, non provando vergogna o pentimento per la lunga assenza. Per fare un esempio, se ti si presenta un nuova opportunità lavorativa, non vergognarti di parlare del licenziamento durante un colloquio, o di raccontare i motivi della tua pausa dal lavoro: essere sinceri con se stessi sarà il primo passo per far decollare la tua carriera!

Ti senti insicuro di affrontare da solo il tuo ritorno al lavoro? Affidati ad una guida esperta, scegli il Career Coaching di Jobiri. Registrati qui.

Condividi questa storia, scegli tu dove!

Post correlati