Il Comune di Busto Garolfo digitalizza l’Informagiovani e decide di entrare nella rete dei comuni virtuosi che utilizzano la piattaforma CVqui – Jobiri per accelerare il processo di trasformazione digitale del proprio Informagiovani-Informalavoro e far fronte alle nuove condizioni del mercato del lavoro.

Maggiore efficacia nell’incrocio domanda e offerta di lavoro, servizi di carriera disponibili 24 ore su 24, un rafforzamento delle attività di accompagnamento al lavoro dei giovani online e a distanza, una spinta verso l’erogazione di servizi per le aziende alla ricerca dei talenti del territorio sono alcune delle ragioni di questa accelerazione verso il digitale.

Come spiega il Vicesindaco e Assessore, Andrea Milan:
La nostra amministrazione è da sempre attenta al tema del lavoro e, da quando ho ricevuto la delega alle Politiche del Lavoro, ho avuto come obiettivo quello di dotare il servizio Informagiovani – Informalavoro di uno strumento innovativo e adeguato all’importante compito a cui è chiamato. Lo strumento che può rispondere concretamente a questa esigenza è CVqui – Jobiri. 

Questa piattaforma rappresenta il primo e fondamentale tassello su cui costruire un servizio al lavoro comunale, efficiente, moderno e a disposizione della comunità, in un ambito di fondamentale importanza per ciascuno, in un momento davvero complesso e in un’ottica di investimento sui giovani e sulle potenzialità del territorio”.

Il comune di Busto Garolfo digitalizza l’Informagiovani quindi, ma non è il solo. La piattaforma CVqui – Jobiri è in uso in diverse realtà istituzionali lombarde e ad oggi ha sostenuto oltre 22.000 giovani della Regione Lombardia.

Investendo sulla piattaforma CVqui – Jobiri, il Comune vuole dare una risposta concreta ai propri cittadini per sostenere l’occupazione del territorio.

Grazie a CVqui – Jobiri infatti, il Comune di Busto Garolfo non solo può contare su un’infrastruttura tecnologica all’avanguardia per i servizi al lavoro che è stata premiata da Forum PA, ma può accedere ad una rete di Comuni e Sportelli Informagiovani virtuosi che favorisce lo scambio di buone prassi e la messa in rete di risorse per favorire l’occupazione locale.

In un momento di grande cambiamento come quello attuale, servono approcci e modelli nuovi ed è con questa lungimiranza e attenzione ai bisogni dei cittadini che il Comune di Busto Garolfo ha deciso di rilanciare i servizi Informagiovani secondo una logica ancora più innovativa, efficace e aperta.

Se anche tu vuoi più informazioni su come il Comune di Busto Garolfo ha digitalizzato il proprio Informagiovani-Informalavoro ed i relativi servizi al lavoro in poco meno di due settimane, contattaci.

Post correlati