Il curriculum vitae è uno dei più importanti strumenti per trovare lavoro. Spesso, però, non si ragiona attentamente sulla scelta del modello e si predilige la strada più comune: il curriculum europeo!

Ma si tratta sempre della scelta migliore? Dipende! La maggior parte delle volte può essere più opportuno presentare un CV personalizzato.

In questo articolo ti spiegheremo quali sono i limiti del CV europeo e i vantaggi del curriculum personalizzato.

Curriculum europeo e curriculum personalizzato a confronto

Prima di tutto, facciamo chiarezza su cos’è il curriculum formato europeo e cosa intendiamo per CV personalizzato.

Il CV europeo

Il CV europeo (o Europass) è nato con l’obiettivo di offrire ai candidati un unico modello per presentare le proprie qualifiche e facilitare la ricerca del lavoro nel territorio dell’Unione Europea.

  • È un formato standard e schematico.
  • Si scarica e compila rapidamente.  
  • È di facile consultazione e si presta ad oltrepassare i confini nazionali.

Queste caratteristiche lo rendono ancora il formato ideale per candidature verso altri Stati dell’ Unione Europea. In Italia, invece, viene esplicitamente richiesto da enti pubblici, società di formazione o per la partecipazione a concorsi

Ad eccezione di queste situazioni, potresti invece decidere di orientarti su un modello di CV personalizzato. 

Il curriculum personalizzato

Un formato CV personalizzato non fa riferimento ad un modello standard, quindi la struttura è scelta unicamente da te. I vantaggi principali sono due:

  • Puoi costruirlo su misura secondo l’offerta per cui ti vuoi candidare.
  • Puoi decidere tu come presentare al meglio la tua specifica storia professionale e formativa. 

Con il CV Builder Jobiri puoi scegliere tra diversi formati per presentarti al meglio in ogni occasione e rispondere in modo mirato alle tue esigenze.

Scopri subito la vasta selezione di modelli che Jobiri ha preparato per te e crea online il tuo CV personalizzato!

Gli svantaggi del CV Europeo

Per capire qual è il formato CV migliore per te e per rimanere deciso di fronte alla marea di opinioni contrastanti, puoi iniziare a comprendere quali sono gli svantaggi del modello più diffuso in Europa: l’Europass.

Sono passati quasi vent’anni dalla sua nascita. Nonostante l’innegabile valore dei propositi di partenza, nel corso tempo sono emersi diversi limiti legati alla scelta del curriculum europeo.

Per aiutarti in questo lavoro di consapevolezza, abbiamo creato un elenco con i 3 punti di criticità del CV europeo:

  1. La lunghezza.
  2. La struttura rigida.
  3. La scarsa personalizzazione.

1. La lunghezza

L’impaginazione del curriculum formato europeo prevede l’impiego di solo due terzi del foglio. Infatti le informazioni sono collocate al centro e i margini rimangono tendenzialmente vuoti.

Gli spazi non vengono ottimizzati e questo comporta l’utilizzo di più pagine, soprattutto se hai un voluminoso percorso formativo e professionale.

Il primo problema è quindi la lunghezza: i reclutatori difficilmente hanno il tempo di sfogliare più di una/due pagine e potrebbero interrompere a metà la lettura del tuo CV. Esistono delle buone prassi per accorciare il CV ma non si possono applicare al formato europeo e ai suoi campi predefiniti.

2. La struttura rigida

Il formato Europass, infatti, prevede un’unica e rigida organizzazione dei contenuti, e questo potrebbe risultare controproducente. Vediamo perché.

Le esperienze in ordine cronologico

Con il curriculum europeo, dopo le informazioni di contatto, devi subito collocare le tue esperienze lavorative in ordine cronologico (a partire dalla più recente).

Se il tuo percorso professionale è molto breve o particolarmente frammentato, non ti consigliamo di metterlo così in evidenza come suggerisce la struttura del CV europeo.

Le competenze 

Il curriculum europeo propone di inserire la sezione competenze verso la parte finale del CV. Questa posizione potrebbe rivelarsi poco strategica se:

  • la candidatura richiede di mettere in luce particolari abilità che tu possiedi;
  • le tue competenze sono più rilevanti rispetto alle tue esperienze.

Inoltre, il CV europeo ti invita a parlare delle tue skills in modo descrittivo e discorsivo ma non è facile capire cosa scrivere.  Per questo motivo i candidati si ritrovano spesso ad inserire sempre le stesse frasi che rischiano di essere scontate, generiche e poco credibili.

3. La scarsa personalizzazione

Possiamo decisamente affermare che il modello standardizzato dell’Europass non lascia molto spazio alla personalizzazione. 

  • Ogni CV europeo è uguale all’altro dal punto di vista del layout grafico: hai quindi meno possibilità di attirare l’attenzione del reclutatore. 
  • Le sezioni devono essere presentate con un preciso ordine: non puoi dare priorità agli aspetti più rilevanti della tua carriera.

Per colmare le mancanze è consigliabile allegare una lettera di presentazione per  comunicare la tua personalità, la tua motivazione e i tuoi obiettivi professionali. 

I vantaggi di un CV personalizzato

Ogni storia professionale e formativa è diversa dall’altra, così come ogni candidato possiede delle caratteristiche che lo contraddistinguono dagli altri. 

È quindi molto importante creare un curriculum in grado di raccontare e presentare le peculiarità della tua carriera e della tua personalità. 

Jobiri ha progettato una serie di modelli molto diversi tra loro per permetterti di scegliere quello che si adatta meglio a te, al tuo percorso e alle offerte per cui ti vuoi candidare. 

Ecco quali vantaggi ti offrono questi formati.

  • Puoi assecondare i tuoi gusti estetici selezionando i colori e le forme che preferisci. Sembra banale ma la presentazione grafica può comunicare molto su chi sei e sul tuo stile.
  • Puoi decidere tu quali sezioni mettere in primo piano. A volte può essere opportuno valorizzare il tuo percorso di formazione, mentre in altre situazioni potresti decidere di evidenziare le tue competenze o le tue esperienze lavorative. 
  • Puoi scegliere tu come sviluppare i contenuti. Se vuoi essere sintetico hai la possibilità di inserire elenchi puntati, così come sei libero di usare uno stile più narrativo e descrittivo. Se non sei una persona di troppe parole invece, potresti inserire dei grafici.

Ecco alcuni esempi di curriculum personalizzato

 

Come avrai capito, con un curriculum personalizzato hai molte più possibilità di presentarti al meglio agli occhi dei reclutatori. 

Con il CV builder Jobiri puoi scegliere il formato che preferisci e creare online il tuo curriculum personalizzato. Registrati subito, è gratis!

Post correlati