Un periodo di assenza dal lavoro può avvenire per differenti motivazioni: un licenziamento, il bisogno di staccare, una malattia, il trasferimento in un’altra città, il desiderio di rimettersi in gioco in un settore professionale diverso, l’esigenza di una maggiore crescita professionale e molto altro.

Le cause della tua pausa dal lavoro possono poi essere forzate, cioè “imposte da terzi” oppure volontarie: in ogni caso, il risultato finale è costituito dalla tua assenza dal lavoro, assenza che non può e non deve significare staticità. Che cosa vuol dire questo? E’ semplice: qualunque sia o sia stata la motivazione del tuo stato di inattività, quest’ultimo non deve essere la “giustificazione” per non far nulla, per piangerti addosso e/o per provare stati d’animo negativi come ansia, paura di non farcela e così via.

La tua situazione professionale non ti soddisfa?

Affidati ai nostri coach per trovare impiego, cambiare lavoro o crescere professionalmente come hanno già fatto 100.000 persone

Prenota consulenza gratuita
career_coaching_vs_career_counseling

Esistono, infatti, dei modi intelligenti per sfruttare al meglio la tua assenza dal lavoro e considerarla come un’opportunità piuttosto che come un ostacolo. Nei prossimi paragrafi approfondiamo le 6 strategie da mettere in pratica per sfruttare al meglio la tua assenza dal lavoro.

6 strategie per trasformare la tua assenza dal lavoro in un’opportunità

Trasformare la tua assenza dal lavoro in un trampolino di lancio per inserirti o reinseriti in un nuovo contesto lavorativo è molto importante per 2 motivi fondamentali:

1. Ti permette di non cedere a stati d’animo negativi che finiscono per farti abbattere e perdere di vista i tuoi obiettivi

2. Ti permette, al tempo stesso, di riflettere su ciò che vuoi davvero e sulla direzione che vuoi intraprendere dopo questa pausa.

Vediamo a questo punto le 6 strategie che puoi mettere in pratica per rendere la tua pausa dal lavoro un periodo positivo e proficuo:

1) Coltiva sempre il tuo network

2) Non smettere mai di aggiornarti

3) Rifletti sui tuoi punti di forza e debolezza in autonomia o con l’aiuto di un Career coach

4) Definisci in maniera chiara la direzione che vuoi intraprendere

5) Non interrompere la tua attività sui maggiori social network

6) Prenditi cura di te

1) Coltiva sempre il tuo network

Durante la tua assenza dal lavoro è molto importante non chiuderti in te stesso ma continuare a coltivare la tua rete di contatti, sia online che offline. Il tuo network è, infatti, molto importante per confrontarti su tematiche legate al lavoro e/o ad uno specifico settore, per scambiare idee, feedback e per creare un passaparola positivo e virtuoso sulla tua ricerca di un nuovo lavoro.

2) Non smettere mai di aggiornarti

Un altro step fondamentale da tenere sempre in considerazione durante la tua pausa dal lavoro è quello di non smettere mai di aggiornarti. Il tuo aggiornamento può avvenire attraverso varie modalità: corsi di formazione, seminari, workshop, letture legate a tematiche utili per la tua nicchia di mercato sono tutti esempi di modalità con cui aggiornarti e rimanere “sempre sul pezzo”. Un aggiornamento costante e continuo è molto importante in quanto, nel momento in cui ti troverai a sostenere un nuovo colloquio di lavoro, avrai modo di dimostrare ai recruiters che hai sfruttato il tuo vuoto occupazionale dedicandoti alla tua formazione e a colmare determinate lacune che avevi.

3) Rifletti sui tuoi punti di forza e debolezza in autonomia o con l’aiuto di un Career coach

Strettamente connessa all’importanza della formazione è la riflessione sui tuoi punti di forza e debolezza. Durante la tua pausa dal lavoro, infatti, hai abbastanza tempo per capire cosa davvero sai fare, quali risultati hai raggiunto e grazie a quali competenze e quali, invece, sono i punti di debolezza da migliorare. Si tratta di una consapevolezza importante che puoi acquisire in autonomia o grazie all’aiuto di un career coach esperto con il quale intraprendere un percorso per fare un bilancio delle competenze e puntare sul miglioramento delle tue lacune.

4) Definisci in maniera chiara la direzione che vuoi intraprendere

Un’altra azione da intraprendere durante la tua assenza dal lavoro è la definizione della direzione che vuoi intraprendere nel tuo futuro lavorativo. Anche in questo caso, puoi scegliere di affidarti all’aiuto di un career coach: sapere in quale settore vuoi inserirti o reinserirti è molto utile in quanto ti permette di capire anche quali skills acquisire o potenziare e di stabilire obiettivi di medio o lungo termine da raggiungere.

5) Non interrompere la tua attività sui maggiori social network

Assentarsi dal lavoro per un certo periodo non significa assentarsi anche da social professionali come LinkedIn o Twitter, che sono molto importanti per farti notare da recruiters e potenziali datori di lavoro. Prova, dunque, a non interrompere la tua attività sui social: mantieni, ad esempio, sempre aggiornato il tuo profilo LinkedIn, condividi con la tua rete contenuti di valore che riguardano notizie di attualità, aggiornamenti sul settore nel quale vuoi inserirti, iscriviti a gruppi focalizzati su tematiche di tuo interesse e intervieni nelle conversazioni e così via.

6) Prenditi cura di te

Ultimo ma non meno importante suggerimento per sfruttare al meglio la tua assenza dal lavoro è quello di prenderti cura di te. Non dimenticarti del fatto che una pausa dal lavoro, qualunque sia la motivazione per la quale si avvenuta, ti serve anche e soprattutto per ritrovare una serenità che hai perso e per ricaricare le pile per le prossime sfida affrontare. Pertanto, oltre a tutte le attività elencate sopra, prenditi cura di te coltivando i tuoi interessi, dedicandoti alla tua famiglia, ai tuoi amici e in generale ad investire anche tempo in qualunque altro svago ti faccia sentire bene.

Sei in un periodo di pausa dal lavoro e vuoi comprendere a fondo qual è la direzione più giusta da intraprendere e quali competenze migliorare per inserirti in un nuovo settore? Scegli il Career coaching Jobiri, il primo career advisor intelligente basato su AI. Grazie al supporto di un coach esperto hai la possibilità di fare un bilancio delle tue competenze e capire quale strategia adottare per raggiungere meglio e prima i tuoi obiettivi. Non aspettare ancora! Prenota una consulenza gratuita registrandoti qui.

Condividi questa storia, scegli tu dove!

Post correlati

Trova lavoro ora