sviluppo del pensiero critico

Indice dei contenuti

Il mondo del lavoro è in costante evoluzione, e con esso le competenze richieste per eccellere professionalmente e fare carriera. Una delle soft skills oggi più richieste è il pensiero critico. Lungi dall’essere una “semplice riflessione”, il pensiero critico consiste in un processo analitico e valutativo che permea molte sfaccettature del lavoro quotidiano di manager e professionisti.

Trattandosi di un’abilità chiave per raggiungere prima e meglio obiettivi e risultati professionali, esploriamo in questo articolo che cos’è il pensiero critico e le più importanti definizioni che sono state avanzate da studiosi esperti, perchè è una capacità così importante, quali sono i suoi principali vantaggi e quali le tecniche e le strategie più efficaci su come sviluppare il pensiero critico.

La tua situazione professionale non ti soddisfa?

Affidati ai nostri coach per trovare impiego, cambiare lavoro o crescere professionalmente come hanno già fatto 150.000 persone

career_coaching_vs_career_counseling

Pensiero critico: cos’è?

Il pensiero critico va oltre la mera analisi di informazioni, ma è la capacità di esaminare, sintetizzare e valutare le informazioni in modo critico, al fine di prendere decisioni informate. Ad esempio, un manager che possiede una buona capacità di pensiero critico sarà più facilmente in grado di analizzare dati complessi, identificare presupposti impliciti e formulare domande pertinenti che lo guideranno nella risoluzione di problemi.

Pensiero critico: definizioni

Tra le definizioni più significative di pensiero critico che sono state avanzate nel corso del tempo rientrano sicuramente quella di Edward Glaser che ha definito questa abilità come “una forma di ragionamento che richiede una valutazione attenta e riflessiva delle informazioni, in particolare delle dichiarazioni o argomenti che vengono presentati come verità”; la definizione di John Dewey, che ha definito il pensiero critico come quel pensiero che è “attivo, persistente e attento, che non crede in modo acritico e non accetta passivamente ciò che si sente o legge.” Infine, ultima ma non meno importante definizione è quella avanzata dallo studioso Stephen D. Brookfield, che si è così espresso in merito: “il pensiero critico è una forma di autoesame guidato della propria mente che impegna abilità di interpretazione e analisi per raggiungere la consapevolezza e il controllo di quanto pensiamo.”

In virtù delle definizioni sopra citate, appare chiaro come il concetto di pensiero critico sia molto ampio e profondo e racchiuda in sé un’attenzione verso una certa struttura del pensiero, volta al saper comprendere, organizzare, valutare e prendere decisioni in qualsiasi tipologia di contesto.

Pensiero critico: perchè è così importante sviluppare questa abilità a lavoro?

Nell’attuale mondo del lavoro così dinamico e caratterizzato da complessità e incertezza, il pensiero critico si erge come un asset fondamentale per il successo individuale e organizzativo. Questa abilità, come già accennato sopra, va infatti ben oltre la capacità di analizzare dati o formulare domande incisive: il pensiero critico è, piuttosto, il fondamento su cui si basa la presa di decisioni informate e la risoluzione di problemi complessi.

Contatta un consulente di carriera

I nostri career coach possono aiutarti a trovare un nuovo lavoro e nella tua crescita professionale

Di seguito, le principali ragioni per cui risulta fondamentale sviluppare la capacità di pensiero critico sul lavoro:

1) Decisioni informate e gestione del rischio

Il pensiero critico è cruciale per prendere decisioni informate e gestire il rischio. Nel contesto professionale, le decisioni spesso implicano un’analisi approfondita di informazioni complesse e la valutazione delle loro implicazioni a lungo termine. I professionisti dotati di pensiero critico sono in grado di discernere tra fonti attendibili e meno attendibili, riducendo il rischio di basare decisioni cruciali su informazioni inaffidabili.

2) Risoluzione di problemi complessi

In un mondo in cui i problemi possono essere complessi e causati da una molteplicità di fattori, il pensiero critico diventa un alleato insostituibile nella risoluzione di sfide complesse. Analizzando le variabili in gioco, identificando le relazioni causa-effetto e formulando soluzioni innovative, i professionisti dotati di pensiero critico si distinguono per la loro capacità di affrontare con successo le sfide più ostiche.

3) Creatività

Le aziende orientate al futuro valorizzano l’innovazione e la creatività. Il pensiero critico alimenta queste qualità, spingendo i professionisti a esplorare nuove prospettive, a sfidare lo status quo e a proporre soluzioni fuori dagli schemi convenzionali. In un contesto in cui l’adattabilità è fondamentale, il pensiero critico diventa un catalizzatore per l’innovazione continua.

4) Crescita individuale e organizzativa

Lo sviluppo del pensiero critico non solo contribuisce alla crescita professionale individuale ma impatta positivamente anche sul successo organizzativo. Tutti i team composti da individui che applicano il pensiero critico collaborano in modo più efficiente, affrontano le sfide con una prospettiva più analitica e contribuiscono in modo significativo al raggiungimento degli obiettivi aziendali.

5) Adattamento al cambiamento

In un mondo in costante evoluzione, la capacità di adattarsi al cambiamento è cruciale. Il pensiero critico fornisce la flessibilità mentale necessaria per comprendere e fronteggiare nuove sfide, affrontando con successo le situazioni mutevoli senza compromettere la qualità delle decisioni.

Public speaking: perchè è importante sviluppare questa capacità? Clicca qui e scoprilo 

Pensiero critico: quali sono i suoi principali vantaggi?

Quali sono, dunque, i principali vantaggi di cui possono godere manager e professionisti dotati di una buona capacità di pensiero critico? Ne abbiamo selezionati almeno 3:

1) Innovazione continua

Come già accennato prima, il pensiero critico è il motore dell’innovazione. Tutti quei professionisti che possiedono questa capacità, infatti, sono più inclini ad esplorare nuove idee, adottare approcci non convenzionali e a contribuire al processo creativo. In un ambiente aziendale che valorizza l’innovazione, il pensiero critico diventa una risorsa preziosa per generare nuove idee e sostenere lo sviluppo di prodotti o servizi innovativi.

2) Efficienza e produttività

Il pensiero critico contribuisce a una maggiore efficienza e produttività. I professionisti che sono in grado di analizzare situazioni rapidamente, identificare le priorità e prendere decisioni rapide ma informate sono spesso più in grado di gestire il proprio carico di lavoro in modo efficace. Ciò si traduce in una maggiore produttività individuale che, di conseguenza, contribuisce anche al successo complessivo dell’organizzazione.

3) Costruzione di relazioni basate sulla collaborazione

Il pensiero critico favorisce la collaborazione. I professionisti che sanno valutare obiettivamente le informazioni e risolvere problemi in modo efficace contribuiscono positivamente al lavoro di squadra. La capacità di considerare diverse prospettive e gestire le divergenze di opinione è essenziale per costruire relazioni basate su fiducia, collaborazione e stima.

Come sviluppare il pensiero critico: tecniche e strategie efficaci per svilupparlo

Dopo aver visto il pensiero critico cos’è e le sue definizioni, perchè è un’abilità importante da sviluppare e quali sono i suoi principali vantaggi, vediamo come sviluppare il pensiero critico attraverso tecniche e strategie concrete.

1) Poni domande approfondite

Per un ottimo sviluppo del pensiero critico si parte sempre dalle domande. Inizia, quindi, nel tuo contesto lavorativo a porre domande che sfidano le tue convinzioni e che si spingano oltre la “superficie” di un problema. Chiediti sempre “perché” e “come” per approfondire la tua comprensione e promuovere il pensiero critico.

2) Fai un’analisi critica

Sviluppa la capacità di analizzare informazioni in modo critico. In seguito o parallelamente alle domande che ti poni, esamina dati, argomenti e situazioni e per ognuna di queste identifica punti di forza e debolezza. Allenati a riconoscere deduzioni implicite e a valutare la validità delle conclusioni.

3) Confrontati con prospettive diverse dalla tua

Cerca attivamente prospettive diverse. Esplora opinioni contrastanti, sia all’interno che all’esterno del tuo campo di expertise. L’apertura a diverse prospettive arricchisce il tuo pensiero critico.

4) Simulazioni e role-playing

Partecipa a esercitazioni pratiche e simulazioni che richiedono la messa in pratica del pensiero critico. Affronta scenari complessi e pratica la risoluzione di problemi in un ambiente simulato, applicando le tue abilità in situazioni realistiche.

5) Scrivi per alimentare la riflessione

Metti per iscritto le tue riflessioni su un argomento. Scrivere aiuta molto ad organizzare il pensiero, evidenziare connessioni e individuare eventuali lacune nella tua comprensione. Avere un diario di riflessione può essere, per esempio, un modo efficace per monitorare il tuo sviluppo.

6) Lettura critica

Leggi materiali utili e pratica la lettura critica. Chiediti costantemente se le fonti sono affidabili, se ci sono dati a supporto delle affermazioni e se ci sono punti di vista alternativi da considerare.

7) Analizza casi reali

Studia casi reali e analizza situazioni complesse. Esplora come le decisioni sono state prese, identifica le variabili in gioco e rifletti su come avresti gestito la situazione in modo diverso. Questa pratica aiuta a sviluppare la tua capacità di valutare e sintetizzare informazioni.

8) Costruisci argomenti

Pratica la costruzione di argomenti solidi. Sperimenta con la formulazione di tesi, l’uso di prove a supporto e la considerazione di possibili contro argomenti. Tutto ciò migliora la tua abilità di analizzare in modo critico argomenti complessi.

9) Partecipa a discussioni

Partecipa attivamente a discussioni e dibattiti. Esprimi le tue opinioni, ma sii aperto a cambiare idea in base alle nuove informazioni. La partecipazione alle discussioni aiuta ad affinare le tue capacità di analisi e argomentazione.

10) Fai un’ autovalutazione continua

Valuta regolarmente il tuo pensiero critico. Chiediti se hai considerato tutte le opzioni disponibili, se hai pesato attentamente i pro e i contro, e se hai cercato attivamente di superare i tuoi pregiudizi personali.

11) Collaborazione e feedback

Collabora con colleghi che valorizzano il pensiero critico. Chiedi feedback regolari e condividi le tue idee con gli altri. La collaborazione può portare a nuove prospettive e favorire la crescita reciproca.

12) Applicazione pratica

Infine, metti in pratica il pensiero critico nella tua vita quotidiana e nel tuo lavoro. L’applicazione pratica è fondamentale per consolidare le tue abilità e farle diventare parte integrante del tuo approccio alla risoluzione di problemi.

Vuoi cambiare lavoro e non sai da dove cominciare e quali strategie adottare per inserirti facilmente in un nuovo settore? Scegli il Career coaching di Jobiri, la prima piattaforma online intelligente che accelera e ottimizza il tuo inserimento in azienda. I career coach di Jobiri sono esperti di carriera che ti supportano nel raggiungimento del tuo obiettivo, aiutandoti a capire le dinamiche di funzionamento del settore in cui vuoi inserirti e fornendoti gli strumenti più efficaci per farlo. Non aspettare ancora. Prenota qui la prima consulenza gratuita con il tuo coach!

Condividi questa storia, scegli tu dove!

Post correlati