#HRaColloquio: Teso per il colloquio di lavoro? Ascolta i consigli dell’HR Retail Specialist di Kasanova

2019-03-06T21:35:13+00:00 4 marzo 2019|Centri per l'impiego, Informagiovani, Trova lavoro, Università|

Seconda parte dell’intervista #HRaColloquio ad una delle più grandi realtà italiane nella vendita di articoli casalinghi e per la casa. Stiamo parlando di Kasanovae oggi il suo HR Retail Specialist Matteo Berlino ci spiegherà come affrontare serenamente ed efficacemente un colloquio di lavoro.

Come si fa un buon colloquio?

Sicuramente restando sereni. Non pensate al colloquio come ad una sfida o una gara, ma come ad un’opportunità per farvi conoscere. Dovete farvi conoscere per quello che siete quindi, non amplificando cose che non dovreste amplificare e non sminuendovi. Dite le cose esattamente come sono.

Dovete essere chiari, curiosi e dinamici, perché il recruiter lo vede. E poi ricordatevi che non è una sfida, quindi potreste non essere scelti. Non perché non avete le competenze, ma perché non siete la persona che in quel momento l’azienda sta cercando da un punto di vista caratteriale. Quindi, state tranquilli un’azienda per voi esiste e la troverete!

Quanto è importante prepararsi per un colloquio di lavoro?

È molto importante prepararsi per un colloquio. Capisco che le persone spesso si candidano a tante posizioni aperte perché stanno cercando lavoro, delle volte anche in maniera abbastanza disperata. Ma questa non è la tattica giusta, perché un recruiter guarda quelle che sono le competenze nel curriculum. Quindi è difficile che vi chiami per posizioni per cui siete totalmente estranei.

Quindi, o vi fate vedere e vi fate notare facendo un bel curriculum, cosicché capiscano che avete quel qualcosa in più per farvi chiamare, o pensate a candidarvi alle opportunità che volete. In ogni caso prepararsi al colloquio è importante perché dimostrate all’azienda che vi interessa lavorare per loro.

Poi sarà compito dell’azienda farsi trovare pronta, magari con un bel sito per farsi conoscere. Però voi dovete interessarvi all’azienda. E  con questo intendo sicuramente: guardare il sito web, conoscere un po’ la storia e magari informarvi consultando le recensioni online. Alla fine lo facciamo con TripAdvisor per mangiare una sera al ristorante, figuriamoci se non lo dovremmo fare per trovare lavoro, dove solitamente passiamo più tempo che a casa. Quindi informatevi prima.

Come si gestisce lo stress da colloquio?

Io parto dal presupposto di cercare di non mettere stress al candidato, però non è la tattica utilizzata da tutti i recruiter. Lo stress va gestito in maniera tranquilla, perché dovete vedere il colloquio come una chiacchierata dove voi vi fate conoscere al meglio dall’altra persona. Non è una gara né una sfida con nessuno. Anche se sono assessment non state sfidando nessun altro, dovete risaltare per quelle che sono le caratteristiche. Pensatela come: “mi faccio conoscere, se sono la persona giusta vengo scelto, se non sono la persona giusta ci sarà un’altra azienda”. In questo modo, io che non sono una persona ansiosa gestisco lo stress.

Vi aspettiamo alla prossima puntata con altri spunti e consigli dagli HR delle più grandi aziende italiane. Continua a seguirci sui nostri social e sul blog per non perdere nessun aggiornamento.

P.S. Hai perso l’ultima puntata? Non preoccuparti! Clicca qui per scoprire tutti i consigli di Matteo per scrivere un perfetto curriculum e una lettera di presentazione efficace.