Solitamente, la prima domanda che viene posta dai selezionatori al tuo primo colloquio di lavoro è “Mi parli di lei”, una domanda apparentemente banale che richiede una descrizione di te stesso.

In realtà, parlare di sé al colloquio può essere tutt’altro che scontato: i recruiters vogliono sapere, attraverso la tua presentazione, non solo chi sei ma anche perchè dovrebbero assumere proprio te per il ruolo per cui ti stai candidando.

Pertanto, nei prossimi paragrafi approfondiremo tutte le strategie su come parlare di sé ad un colloquio, facendo un’ottima impressione sui recruiters. Pronti? Partiamo.

Come parlare di sé ad un colloquio di lavoro in maniera efficace

Se parlare di sé in qualunque contesto e situazione della vita può risultare a volte semplice e quasi banale, sicuramente non è così durante un colloquio di lavoro.

La ragione per cui stare attenti e preparare in anticipo la tua presentazione per un colloquio dipende dal fatto che il modo in cui racconti te stesso e il contenuto di ciò che dici possono determinare o meno il successo della tua job interview.

Come parlare di sé ad un colloquio in modo efficace? Ecco 4 utili consigli da seguire:

  1.  Non mostrarti eccessivamente arrogante
  2.  Non mostrare troppa indecisione
  3.  Parla in maniera autentica e spontanea
  4.  Tratta con attenzione gli argomenti delicati

1. Non mostrarti eccessivamente arrogante

Parlare di sé ad un colloquio significa parlare sia della tua vita personale, sia di quella professionale. Per farlo, tuttavia, è utile non mostrare troppa arroganza: per esempio, se parli di quanto ami lo sport citando tutti i traguardi raggiunti e la tua bravura rispetto agli avversari, rischi di peccare di presunzione e di trasmettere ai recruiters un’immagine negativa di te.

2. Non mostrare troppa indecisione

Se essere eccessivamente arrogante non è una buona mossa, anche la troppa indecisione può minacciare l’esito del tuo colloquio. Parlare di sé in maniera poco decisa può, infatti, indurre i recruiters a pensare che ti comporterai così anche sul lavoro e, com’è noto, essere indecisi e poco sicuri non rappresentano certo le qualità di un candidato ideale. Nello storytelling del tuo colloquio di lavoro cerca, dunque, di trovare la giusta misura, mostrandoti come la “soluzione” rispetto a ciò che l’azienda sta cercando.

3. Parla in maniera autentica e spontanea

La terza via tra l’arroganza e l’indecisione è sicuramente l’autenticità: essere se stessi e quindi quanto più spontanei possibile ripaga sempre. Parlare di sé ad un colloquio significa, infatti, raccontare chi sei, parlare delle esperienze pregresse, delle aspirazioni future e soprattutto del perchè ti stai candidando per quella posizione nella maniera più naturale e vera possibile. Solo così avrai una buona chance per fare colpo sui selezionatori!

4. Tratta con attenzione gli argomenti delicati

Come comportarsi quando emergono argomenti delicati? Attenzione è la parola d’ordine che devi tenere presente. Può capitare, infatti, che durante il tuo discorso, emergono temi delicati come la politica o la religione: maneggiali con cura e con ampiezza di vedute, avendo sempre presente l’interlocutore che hai di fronte!

Senti di non avere abbastanza sicurezza e fiducia in te stesso per affrontare il tuo prossimo colloquio nel migliore dei modi? Fatti supportare da un esperto scegliendo il servizio Career Coaching Jobiri! Grazie a un professionista al tuo fianco, eliminerai completamente l’incertezza e l’ansia che ti assalgono, ritrovando la giusta carica e motivazione per far decollare la tua carriera. Che cosa aspetti. Clicca qui e provalo!

Parlare di sé ad un colloquio: cosa evitare?

Oltre ai consigli elencati sopra, tieni anche in considerazione che ci sono alcune cose da evitare quando racconti di te ad un colloquio. Quali sono? Ne abbiamo individuate 2:

  1. Evita di parlare solo di te
  2. Evita di cercare solo argomenti di facile presa

1. Evita di parlare solo di te

Se è vero che parlare di sé ad un colloquio implica raccontare di te e della tua vita, è anche vero che il focus non puoi essere unicamente tu. Tieni conto che hai davanti un interlocutore a cui devi prestare attenzione, monitorando di tanto di tanto il suo interesse nei confronti del tuo discorso.

2. Evita di cercare solo argomenti di facile presa

Quando parli di te ad un colloquio, il tuo obiettivo è sicuramente quello di colpire i recruiters e farti assumere. Il modo migliore per raggiungere questo scopo, tuttavia, non consiste nel tentare di usare strategie per piacere ai recruiters a tutti i costi. L’artificiosità di certi argomenti potrebbe infatti emergere e farvi ottenere l’effetto contrario, ossia quello di non essere autentici, facendo, così, una cattiva impressione sui selezionatori.

Vuoi fare colpo sui recruiters inviando un curriculum perfetto? Prova il CV Builder Jobiri! Grazie a questo strumento, crei il tuo curriculum online facilmente e in pochi minuti. Il software intelligente Jobiri ti consente infatti di creare un CV efficace e personalizzato a partire da decine di modelli professionali testati sul campo direttamente con i datori di lavoro. Rendi impeccabile il tuo curriculum registrandoti qui.

Condividi questa storia, scegli tu dove!

Post correlati