#HRaColloquio: Come affrontare un colloquio? I consigli della Direttrice HR di Peroni

2019-03-11T17:38:54+00:00 11 marzo 2019|News|

Terza ed ultima parte dell’intervista a Serena Apicella. Oggi la Direttrice HR di Birra Peroni ci spiega tutti i segreti per farsi chiamare ad un colloquio e affrontare al meglio le domande dei recruiter.

Il segreto per farsi chiamare ad un colloquio?

Il segreto per farsi chiamare ad un colloquio è essere originali. Noi riceviamo, veramente non so quanti curricula tutti i giorni. Ho ricevuto recentemente il curriculum di un ragazzo che era dentro una scatola. Era una bottiglia di birra ed intorno aveva attaccato un’etichetta dove aveva riassunto il suo curriculum. Allora, sicuramente io uno così lo chiamo!

Ora non dovete mettervi a mandare in giro bottiglie perché è anche pericoloso, però ecco l’originalità. Quindi, cercate di fare un qualcosa al di fuori degli schemi, per questo odio il curriculum europeo. Mettete le informazioni in modo che emergano le cose che effettivamente sono coerenti con il ruolo. Una cosa da non fare mai: non mandate il curriculum a casaccio.

Noi a volte postiamo delle posizioni su Linkedin e arrivano tantissimi CV che non sono assolutamente in linea con il profilo ricercato. Quindi, ci vuole un lavoro a monte per capire se la posizione corrisponde effettivamente ad una posizione per cui avete le skills. Se non avete tutte le skills per farvi chiamare, cercate magari di mettere in evidenza quali sono quelle cose di quella posizione che pensate di aver sviluppato e perché.

E potete farlo anche facendo il curriculum magari in un formato diverso, che evidenzia nel raccontare la vostra storia proprio quegli aspetti che sono coerenti con la posizione. Oppure scrivendo una lettera che accompagna il curriculum dove motivate il perché vi state candidando.

Magari facendo anche un’analisi oggettiva di quello che sapete già sia una challenge per voi, una sfida, qualcosa che sapete che vi manca, ma sempre evidenziando tutte le cose spiegano chiaramente perché siete idonei per quella posizione.

Come ci si prepara per fare un buon colloquio?

Sicuramente bisogna arrivare preparati! Quindi, studiate qualcosa sull’azienda, andate a guardare il profilo Google o Linkedin della persona o delle persone con cui parlerete. Sfruttate i social network cercando di capire se conoscete persone che hanno lavorato o lavorano in quell’azienda, così da farvi raccontare un po’ l’esperienza e la cultura. E fate delle domande, perché il colloquio bisogna mettersi in testa che non lo si riceve, ma lo si fa anche.

Cercate di capire se la cultura di quell’azienda, il valore di quell’azienda rispecchiano la vostra cultura ed i vostri valori personali e quindi cercate di fare delle buone domande. Arrivate preparati ovviamente conoscendo anche la job in modo da essere pronti con degli esempi che spiegano perché siete il candidato giusto per quella posizione.

Come gestire l’ansia da colloquio?

L’ansia da colloquio si gestisce preparandosi. E magari se avete qualcuno molto paziente, tra familiari e amici, provando a simulare dei colloqui. Però la preparazione è fondamentale! Poi ovviamente ci sono persone più emotive o meno emotive. Dipende da chi ti fa il colloquio. Se ci sono persone pazienti sei più fortunato, se ci sono invece persone meno pazienti… (fa cenno di no con la testa).

Però questo vi dice qualcosa anche della cultura dell’azienda. Quindi, se vi scartano perché avete di fronte un interlocutore poco simpatico, forse non è l’azienda per voi, fate bene ad andare via.

Guardando la nostra rubrica #HRacolloquio ti è venuta voglia di mandare un’autocandidatura alle aziende intervistate? Non aspettare altro tempo! Crea il tuo curriculum con il nostro Curriculum Builder: ti aiuterà a trovare le frasi più adatte per descrivere al meglio le tue competenze e la tua personalità. Accedi a Jobiri e inizia subito a dare una svolta alla tua carriera.