No significa No? Cosa fare quando non si viene selezionati

2018-07-26T11:25:03+00:00 18 luglio 2018|Trova lavoro|

Sembra essere una giornata come tante, ma all’improvviso ricevi una chiamata di una selezionatrice che ti presenta un’opportunità di lavoro. Ti fai spiegare meglio i dettagli della proposta e la cosa si fa più interessante. Di conseguenza fai il colloquio, tiri fuori il meglio di te ed esci dall’ufficio sicuro del fatto che verrai ricontattato presto.

Passano un paio di giorni e ricevi la fatidica chiamata, ma passi dall’essere al settimo cielo a tornare con i piedi per terra in modo piuttosto doloroso; difatti il posto è stato assegnato a un altro candidato… e adesso?

La maggior parte delle persone in cerca di un lavoro tenderebbe a lasciarsi tutto alle spalle per cercare immediatamente un’alternativa. Ma attenzione a correre troppo, essere scartati per una posizione che si desiderava apre comunque una porta verso altre opportunità ed è un’occasione in più per conoscersi sotto la prospettiva “di candidato”.

Se ti è capitato di esser stato scartato per una posizione a cui ambivi da tempo, non disperare e dai un’occhiata ai quattro punti seguenti per ribaltare la situazione a tuo favore.

Prenditi del tempo per riflettere

Lascia passare qualche giorno, dopodiché fai un passo indietro e rianalizza la situazione con occhi diversi e poniti delle domande come: “Ero davvero il candidato ideale?” Oppure: “Può essere che il recruiter non abbia visto in me una competenza/qualità richiesta per la posizione?”

Prova a ragionare sulle tue abilità da intervistato, cosa hai fatto bene e cosa no, cerca di capire quali sono i tuoi punti deboli e che tratti marcare della tua persona per spiccare.

No, non è per nulla facile ripercorrere fedelmente quanto accaduto, ma prenditi del tempo e non giungere a conclusioni affrettate. L’autoanalisi è un passo importante per migliorare i colloqui in futuro.

Approfondisci

Ora, cerca di rimetterti in contatto con l’azienda che non ti ha selezionato. Nonostante la delusione, dovresti mandare un’email alla persona con cui hai sostenuto il colloquio. Ringraziali per l’opportunità che ti è stata concessa, fai presente che rispetti la loro decisione e infine chiedi se possano considerarti nuovamente nel caso si liberi un posto in futuro.

Questa mossa fa sì che il datore di lavoro comprenda che non hai nessun rancore verso la sua azienda, ma soprattutto che sei ancora interessato a lavorare per loro nel momento in cui cercheranno qualcun’altro.

Chiedi un feedback

Cerca di inserire nell’e-mail una richiesta di feedback della tua candidatura, per esempio “Chiederei per favore, se poteste illustrarmi quali problemi o domande sono sorti riguardo alla mia candidatura”. In questo modo fai capire che sei aperto ad apprendere i motivi per il quale non sei stato scelto, in modo da migliorarti.

Nel caso tu stia lavorando con un recruiter, quest’ultimo saprà darti informazioni più dettagliate su quanto detto poco fa, quindi cerca di tenerti in contatto dopo il colloquio. Magari necessiti di espandere il tuo “skill set” o di migliorare le tue abilità di relazione con chi ti intervista, oppure sei piaciuto davvero all’azienda ma non ti hanno assegnato il posto poiché ritenevano fosse più adatto ad un altro candidato.

In qualsiasi caso, chiedi di avere dei feedback per non ripetere gli stessi errori e arrivare più preparato al prossimo colloquio.

Tieniti in Contatto

Se sei realmente interessato a lavorare per l’azienda che ti ha scartato, impegnati a mantenere i contatti. Invia periodicamente e-mail alla persona che ti ha intervistato (senza diventare uno stalker) per verificare se sono alla ricerca di personale, e per aggiornare il potenziale datore di lavoro dei tuoi miglioramenti.

Ricorda, il tempismo è un punto cruciale: se rimani in contatto regolarmente sarà più facile trovarti e inoltre si ricorderanno di te in caso di necessità.

Scopri come Jobiri può assisterti nella ricerca di un lavoro

Clicca qui e scopri tutti i servizi pensati per te. Trovare un impiego è meno complicato di quanto immagini con le dritte e gli strumenti giusti.