Networking: scopri perché può aiutare la tua ricerca del lavoro

Cos’è il networking? Scopri perché è fondamentale per trovare lavoro

2020-07-07T12:32:12+02:00 25 Febbraio 2018|Trova lavoro|

Che cos’è il networking? Networking significa creare, sviluppare contatti e relazioni e si basa su un legame di reciprocità in cui si dà e si riceve, si tratti di tempo, competenza o di informazioni. Chiunque può crearsi una rete e svilupparla a più livelli, moltiplicandoli e consolidandoli nel tempo.

cos'è il networkingChe cos’è il networking?

È importante non confondere il network o “rete di contatti” con casta o peggio mafia.
Il network è l’insieme delle persone che ti hanno visto all’opera e hanno un parere personale e professionale su di te. La rete di relazioni è quasi sempre il tuo trampolino di lancio (e a volte la tua rete di salvataggio).

Per capire l’importanza delle attività di networking è fondamentale comprendere a fondo il processo con il quale le imprese ricercano ed assumono candidati. Rispetto a quanto ci si potrebbe aspettare, le imprese spesso pubblicano annunci di lavoro solo quando i metodi informali hanno fallito.

Come funziona il processo di ricerca di un candidato?

Quando è necessario infatti trovare un candidato, le imprese generalmente o promuovono un proprio dipendente o chiedono ai collaboratori e conoscenti di segnalare dei candidati validi. Non è un caso infatti che vengano spesso previsti anche dei bonus per i dipendenti quando un candidato segnalato internamente viene assunto.

Questo processo di ricerca informale è molto meno costoso, sia in termini economici che di tempo rispetto a alla pubblicazione di un annuncio e alla gestione di un processo strutturato. Ogni azienda sa che se un proprio dipendente segnala un possibile candidato, è perché lo ritiene valido. Altrimenti eviterà di esporsi perché direttamente o indirettamente produrrà un effetto anche sul proprio percorso professionale.

Molti posti di lavoro liberi non vengono spesso mai pubblicizzati o vengono occupati prima di esserlo. Di questi tempi infatti, la maggioranza degli impieghi vacanti sono ricoperti da qualcuno che ne ha sentito parlare in maniera informale da altri.

Molte persone si sentono in difficoltà all’idea di doversi creare dei contatti, ma che piaccia o no, in mercati del lavoro altamente competitivi conta anche chi si conosce.

Pertanto, il processo di networking è assolutamente fondamentale, specialmente in un contesto ad alto tasso di disoccupazione. In questi casi, infatti, buona parte dei posti vacanti sono presi da coloro che conoscono chi si occupa delle assunzioni (spesso non è la persona che lavora nelle risorse umane ma è la persona che ha bisogno di un nuovo collaboratore) o che sono nella loro sfera di influenza.